QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Tenta di rubare alla Grancasa di Desenzano del Garda, un arresto dei carabinieri

sabato, 20 febbraio 2016

Desenzano del Garda – Mezzanotte movimentata alla “Grancasa-Granbrico” di Desenzano del Garda (Brescia), ove un automobilista di passaggio lungo l’adiacente tangenziale aveva notato una persona incappucciata armeggiare su uno degli ingressi. La tempestiva segnalazione ha permesso all’equipaggiodesenzano carabinieri 10 dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Desenzano del Garda di raggiungere in pochi minuti il negozio nel quale il ladro, insieme ad un complice, nel frattempo si era già introdotto.

Scavalcato il cancello e postisi in prossimità dell’ingresso violato, i Militari hanno così sorpreso i due malviventi che, passamontagna calati e borsoni pieni di tablet e smartphone sulle spalle, erano già in procinto di allontanarsi. Colti alla sprovvista dai Carabinieri, i due malviventi hanno cercato la fuga ritornando verso l’ingresso del grande magazzino, ma l’inseguimento tra le buie corsie è durato poco per un uomo di origini romene di 30 anni che, nonostante la sua agilità, si è dovuto confrontare con i Carabinieri, ancor più determinati di lui. La vigorosa resistenza opposta gli è inoltre valsa un peggior profilo giudiziario della faccenda, così degenerata in rapina impropria. Meglio è andata al suo complice che, sfondata una porta antipanico, si è dileguato nella vicina campagna. Sono ora in corso serrate indagini volte ad individuare il secondo soggetto coinvolto, così da poterlo assicurare alla giustizia. Ingenti i danni al negozio, mentre la refurtiva è stata interamente recuperata.
Il giovane, il cui arresto è stato convalidato e sul quale gravava già un altro precedente, è stato condannato ad otto mesi di reclusione (pena sospesa) ed a 600euro di multa, più le spese di custodia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136