QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tassullo: esponeva prodotti illegali, sconterà 6 mesi di pena in Comune

sabato, 14 maggio 2016

Tassullo – Esponeva a una delle più importanti rassegne di Riva del Garda (Trento) prodotti non consentiti dalla legge, condannato dal giudice, sconterà la pena ai servizi sociale di Tassullo (Trento) suo paese di residente.

giustizia1

Il 45enne era stato scoperto ad una rassegna fieristica di Riva del Garda nel marzo 2013 con un prodotto “artigli d’orso”, senza etichetta e provenienza. La vicenda è finita davanti al giudice di Rovereto, Carlo Ancona, che gli ha inflitto la pena di sei mesi di lavori socialmente utili nel Comune di residenza e 300 euro di risarcimento danni da versare alla sezione provinciale del Wwf. Secondo il giudice ha violato l’articolo 1 lettera F della legge 150 del 1992 che “disciplina dei reati relativi all’applicazione nel nostro Paese della convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione”. Al comma 6 viene specificata la punizione nei confronti di chi “detiene, utilizza per scopi di lucro, acquista, vende, espone o detiene per la vendita e per fini commerciali, offre in vendita o comunque cede esemplari senza la prescritta documentazione”.

Ora il 45enne sconterà la pena e al termine ci sarà la “messa a prova” con la verifica del percorso riabilitativo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136