QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Sventato dalla Finanza di Brunico traffico di cuccioli tra Italia e Austria. Denunciato camionista

lunedì, 19 gennaio 2015

Brunico – Sequestrati 22 cuccioli di razze canine pregiate al confine tra Italia e Austria.Le Fiamme Gialle della Compagnia di Brunico, appostate presso il valico di Prato Drava, hanno individuato un’autovettura sospetta che, sottoposta a controllo, aveva a bordo 22 cuccioli di razza destinati al commercio illecito e illegalmente importati in Italia.

Nel corso di attività volte al controllo economico del territorio e dei movimenti ai confini, le Fiamme Gialle della Capitano Alessandra Faietti, notavano il movimento sospetto di un’autovettura in prossimità della linea di frontiera che, notavano i militari, invertiva il senso di marcia. Successivamente, notato che la pattuglia si era allontanata, riprendeva il viaggio in territorio italiano dove però i militari la aspettavano e, dopo un inseguimento lungo la Val Pusteria, riuscivano ad imporle l’“alt” e a sottoporla ad accurato controllo.
Veniva così scoperto che nascosti sotto i sedili e nel vano della ruota di scorta del bagagliaio, opportunamente celati con cartoni e tavole, si trovavano ben 22 cagnolini con pochi mesi di vita, di razze pregiate: maltesi, chihuahua e shiba inui, di grande tenerezza e alto valore commerciale, quantificabile in oltre 22.000,00 Euro, da lasciare sconcertati per le condizioni di trasporto.
Il mezzo, con targa della Repubblica Slovacca, e condotto da un cittadino slovacco, al cui carico sono stati rilevati precedenti specifici, proveniva dall’Est Europa, secondo una rotta che appare sempre più significativa per traffici illeciti della specie.
Il servizio veterinario di Brunico, immediatamente attivato, ha visitato le bestiole, constatando anche che erano prive del previsto microchip e i finanzieri le hanno quindi sottoposte a sequestro, sentita la competente Autorità Giudiziaria, procedendo al loro affidamento a una idonea struttura della ASL di Bolzano, che saprà dare loro le giuste cure e attenzioni. Il cittadino slovacco è stato denunciato per maltrattamento di animali e illecita introduzione in Italia di animali da compagnia privi delle certificazioni sanitarie.
Le indagini delle Fiamme Gialle mirano ora ad accertare la provenienza dei cuccioli, ma soprattutto la loro destinazione, per consentire la repressione di un commercio clandestino sempre più diffuso e pericoloso, come dimostrato anche da un recente altro analogo sequestro operato dalla stessa Guardia di Finanza in prossimità del Brennero.
Si tratta di un’attività illecita che ha suscitato l’interesse dell’Unione europea per la sua capacità di far accumulare ingenti guadagni, con fattori di rischio molto più bassi rispetto ai classici traffici di stupefacenti, sigarette, armi o merce contraffatta.
E’ grazie alla recente ratifica (2010) della “Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia” che il settore ha ricevuto la meritata attenzione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136