Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Stalking e danneggiamento, 70enne di Sondalo nei guai

venerdì, 24 luglio 2020

Sondrio – A seguito di attività investigativa personale della Squadra Mobile della Questura di Sondrio portava ad esecuzione nei confronti di D.M. per i reati di stalcking e danneggiamento l’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale coercitiva dell’obbligo di dimora nel comune di Sondalo con contestuale divieto di comunicazione con la persona offesa emessa dal Gip del Tribunale di Sondrio.

poliziaL’uomo D.M., di 70 anni, nato e residente in Sondalo, coniugato con figli, circa cinque anni addietro ha intrapreso una relazione sentimentale con H.I, di 58 anni, di nazionalità ucraina, residente nel Chiavennasco, che nel febbraio 2020 aveva deciso di interrompere la relazione con l’uomo definitivamente.

Tuttavia, l’uomo, non rassegnandosi alla fine del rapporto sentimentale, aveva iniziato a molestare e minacciare la donna telefonicamente, tanto che la stessa si era vista costretta a bloccare l’utenza telefonica di questi ed a cambiare la sua utenza telefonica, nel tentativo di rendersi irrintracciabile.

H.I, inoltre, a seguito di due danneggiamenti alla propria autovettura risalenti uno al mese di febbraio e un altro al mese di marzo, si convinceva a contattare le forze dell’ordine per sporgere denuncia, in quanto nutriva dei sospetti che potessero essere ascrivibili all’uomo. Nel mese di maggio la donna sporgeva nuovamente denuncia per un ulteriore danneggiamento della propria autovettura.

Ed è proprio a seguito all’attività investigativa di natura tecnica intrapresa dagli agenti della Squadra Mobile della Questura, consistente nell’estrapolazione ed analisi dei tabulati telefonici, gli investigatori hanno recuperato i messaggi minacciosi lasciati dall’uomo in segreteria, da cui si evinceva la sua opera persecutoria messa in atto  nei confronti della donna e sono emersi, altresì,  gravi indizi di colpevolezza dell’uomo per quanto riguarda gli atti di danneggiamento. Infatti, all’epoca dei tre episodi di danneggiamento è stata rilevata in Sondrio la targa dell’autovettura a questi in uso; circostanza questa  ritenuta per gli inquirenti di rilevante importanza, data l’assenza di validi motivi per l’uomo di recarsi nel capoluogo di provincia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136