QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Spara al ladro nel Bresciano e riceve condanna più alta del bandito, Beccalossi: “Deriva pericolosa, cittadini sempre più soli”

martedì, 5 dicembre 2017

Calcinatello – “Assurdo e sconcertante prendere atto che ancora una volta in Italia le ‘guardie’ pagano piu’ dei ‘ladri’. Avere a che fare con un bandito significa prima rischiare la vita e poi subire le ire della giustizia. Tra i cittadini continua a crescere la sensazione che chi governa questo Paese ragioni al contrario, tutelando piu’ i carnefici che le vittime. Io staro’ sempre con queste ultime”.

assessore beccalossiLo dichiara l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ Mertropolitana Viviana Beccalossi, commentando la notizia relativa alla vicenda di Giuseppe Chiarini, 40enne di Calcinatello (Brescia) che ha dovuto subire una condanna di quattro mesi superiore rispetto al malvivente che nel gennaio scorso aveva ferito durante un tentativo di rapina a un bancomat.

“Questo ennesimo episodio – conclude Viviana Beccalossi – conferma una deriva pericolosa, con lo Stato ormai incapace di garantire condanne dure per chi delinque, vanificando il prezioso lavoro delle Forze dell’ordine. Al contrario, i cittadini sono sempre di piu’ lasciati soli e, quando intervengono, rischiano di pagare per tutta la vita la legittima reazione di un istante. Non mi rassegnero’ mai a vivere in un Paese in cui si confondono vittime e carnefici”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136