Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Spaccio nel Bresciano, tre arresti dei carabinieri di Marone e Trenzano

venerdì, 9 marzo 2018

Trenzano – Contrasto allo spaccio, tre arresti dei carabinieri della Compagnia di Chiari (Brescia). Continua l’attività di contrasto allo spaccio di droga posta in essere dai Carabinieri della Compagnia di Chiari. Negli ultimi giorni  i militari della stazione di Trenzano (Brescia) hanno arrestato un cittadino marocchino 48enne, già pregiudicato per reati della stessa specie, poiché colto in flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti: in via Cascina Finiletto, zona campestre, i militari, allo scopo di avvalorare una serie di segnalazioni pervenute dai residenti della zona, hanno predisposto un mirato servizio di osservazione e pedinamento in abiti simulati e hanno bloccato così il prevenuto dopo che aveva prelevato dalla vegetazione due involucri in cellophane contenenti in tutto 5 dosi di “cocaina”, per un peso complessivo di 9,4 grammi. La successiva perquisizione personale ha dato esito positivo in quanto il soggetto è stato trovato in possesso altresì della somma contante di 850 euro considerato provento di pregressa attività di spaccio, nonché due telefoni cellulari utilizzati per comunicare con i clienti.

I militari quindi hanno esteso il controllo presso l’abitazione dell’extracomunitario, ove rinvenivano lo stesso materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi precedentemente sequestrate. L’arresto è stato convalidato con rito direttissimo presso il tribunale ordinario di Brescia: il giudice ha disposto per l’uomo l’obbligo di presentazione in caserma, tre giorni a settimana, fino alla data del processo.carabinieri Trenzano 1

Durante la mattinata di ieri invece, a Monteisola, i carabinieri della stazione di Marone hanno tratto in arresto due cittadini italiani di 26 e 46 anni ivi residenti, già segnalati alle forze dell’ordine per le loro illecite attività sull’isola lacustre.

I militari hanno organizzato un mirato servizio di osservazione e pedinamento eseguendo infine diverse perquisizioni domiciliari anche con l’ausilio dell’unità cinofila dei Carabinieri del Nucleo di Orio al Serio, intervenuti con il loro pastore tedesco di nome “AIK”. Gli operanti hanno così rinvenuto a casa del 26enne 150 grammi di marijuana essiccata ed occultata in un armadio della soffitta ed un bilancino di precisione, oltre ad alcuni semi di cannabis e vario materiale per la coltivazione della pianta, mentre a casa del 46enne 50 grammi di marijuana occultati sotto il cuscino della poltrona, un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento delle dosi. Gli arresti sono stati convalidati oggi dal giudice del Tribunale ordinario di Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136