QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Spaccio in Valtellina: i carabinieri di Sondrio arrestano un 30enne e sequestrano eroina. Fermato clandestino

mercoledì, 10 febbraio 2016

Sondrio – Droga in auto: un arresto e una denuncia, sequestrati 20 grammi di eroina. Un 30enne è stato tratto in arresto in flagranza di reato dai militari del Nucleo Radiomobile (NORM) della Compagnia Carabinieri di Sondrio.carabinieri droga - Sondrio

L’arresto è maturato nell’ambito dei servizi di controllo del territorio per la prevenzione dei reati in genere, disposti capillarmente dall’Arma sulle principali arterie stradali della Provincia, con l’impiego di numerosi posti di blocco e di controllo.

Proprio in uno di questi ultimi, disposto in località Ponte Tartano del Comune di Ardenno (Sondrio), è incappata l’autovettura Fiat Punto su cui viaggiavano, in direzione di Sondrio, due giovani, di 29 e 30 anni, della zona. I due, già noti alle forze ordine, sono apparsi subito molto agitati al controllo, motivo per cui, i militari hanno deciso di procedere alla perquisizione dell’autoveicolo e, subito dopo, condotti in caserma, anche a quelle personali. L’intuizione dei carabinieri si è rivelata corretta, infatti entrambi sono stati trovati in possesso di sostanza stupefacente tipo “eroina”, rispettivamente 18 grammi il 30enne e 2 grammi il 29enne, il tutto sequestrato, unitamente alla somma di 180 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio e all’autovettura, quale mezzo utilizzato per la commissione del reato. Dal quantitativo di eroina in loro possesso si sarebbero potute ricavare, complessivamente, almeno 100 dosi, per un valore di mercato di circa 2 mila euro.
A questo punto, il 30enne, Sorin Miron, originario della Romania ma domiciliato a Sondrio, è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e condotto al carcere di via Caimi. Con la stessa accusa è stato invece deferito in stato di libertà l’amico 29enne con il quale viaggiava, il quale dovrà rispondere anche di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti per verificare l’eventuale guida sotto l’effetto di sostanze psicotrope (art. 187 Codice della Strada).

MORBEGNO: ARRESTATO CLANDESTINO

Era rientrato in Italia nonostante il divieto. I carabinieri della stazione carabinieri di Morbegno (Sondrio), nella serata di ieri, durante il controllo ad un esercizio pubblico di quel centro, hanno rintracciato un cittadino marocchino, risultato sprovvisto di documenti.

L’uomo, Ahmed Masour, 31enne, già noto alle forze dell’ordine, era stato destinatario di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, emesso in data 30 giugno 2011 dal Prefetto di Sondrio ed eseguito, mediante accompagnamento all’aeroporto di Bologna, il 3 marzo 2012, con contestuale divieto di fare rientro in Italia per un periodo di anni 5.

Nonostante tale divieto, lo straniero è ritornato clandestinamente nel nostro Paese, violando così tale provvedimento, motivo per cui, al termine degli accertamenti, è stato tratto in arresto in flagranza di reato dai Carabinieri di Morbegno (Sondrio). L’arrestato verrà giudicato presso il tribunale di Sondrio, con rito direttissimo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136