Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Spaccio in Valtellina, i carabinieri di Delebio arrestano un marocchino a Pioltello

mercoledì, 20 marzo 2019

Delebio – Spaccio in Valtellina, i carabinieri di Delebio arrestano un marocchino a Pioltello. A conclusione di un’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio, nella persona del PM Antonio Cristillo, i Carabinieri della Stazione di Delebio (Sondrio) hanno arrestato un cittadino marocchino, colpito da Ordine di Custodia Cautelare in carcere emesso dal GIP di Sondrio Carlo Camnasio.

L’uomo, Kamal El Asraoui, 19 anni, disoccupato, è stato rintracciato ed arrestato dai militari di Delebio in un’abitazione in Pioltello (Milano). Durante l’arresto venivano rinvenuti e sequestrati a carico dello stesso circa 750 euro in contanti (verosimile provento dell’attività di spaccio), 19 telefoni cellulari e diversi taccuini con annotazioni relative l’attività di spaccio, il tutto al vaglio degli inquirenti per ulteriori sviluppi d’indagine.

Le indagini erano partite da un’operazione, effettuata sempre dai Carabinieri di Delebio, nello scorso mese di maggio 2018, quando i militari avevano arrestato in flagranza un cittadino marocchino ritenuto responsabile di spaccio di stupefacenti nei boschi di Rogolo (SO). La serrata attività investigativa che si è sviluppata in seguito a tale arresto ha dato modo di far emergere una più articolata dinamica di spaccio di eroina, cocaina ed hascish che ha interessato le aree boschive di Rogolo, Tartano, Talamona, Valgerola e Morbegno nei primi mesi del 2018.

Durante le operazioni in Pioltello i militari hanno individuato un altro cittadino marocchino, irregolare sul territorio nazionale che è stato sottoposto a Fermo di Identificazione e successivamente denunciato a piede libero per violazione delle norme sul soggiorno.

Durante le formalità di rito prima del trasferimento al carcere di San Vittore, l’arrestato dava in escandescenze tanto di rendere necessario il ricorso ad uno spray irritante per fermare la sua azione violenta.

L’operazione di domenica mattina si inserisce nel più ampio contesto di indagini volte al contrasto del fenomeno di spaccio di stupefacenti che ha interessato, negli ultimi mesi, il territorio della Compagnia Carabinieri di Chiavenna e della bassa Valtellina, per il quale è incessante e diuturna l’opera di contrasto di tutti i Reparti dell’Arma.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136