QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Spaccio e furti in Valtellina: il bilancio dei carabinieri di Sondrio. Nel 2014 perseguiti l’80% dei reati

giovedì, 8 gennaio 2015

Sondrio – I militari tracciano un bilancio del 2014. E’  stato presentato il bilancio dell’attività dei carabinieri in Provincia di Sondrio. Il 2014 è stato un anno molto intenso per l’Arma che è intervenuta nell’80% dei reati avvenuti nel territorio provinciale  denunciando alle Autorità giudiziarie 1337 persone e compiendo 121 arresti. Per quanto riguarda i furti, questione particolarmente sentita in Valtellina e Valchiavenna, c’è stato un miglioramento nella casistica di successo per le indagini, infatti, di furti in abitazione nel 2013 ne vennero risolti 45 su 369, il 12%, mentre nel 2014, con una percentuale del 13,6%, 50 casi su 366 si sono conclusi con l’identificazione del colpevole. Considerando il reato di furto in generale nel 20carabinieri Paolo Ferrarese

Considerando i reati inerenti le sostanze stupefacenti gli arresti sono stati 13 con 43 persone denunciate, le quantità di droga sequestrata sono: 5 kg di hashish e marijuana, 500 g di eroina e 50 g di cocaina. Il dato preoccupante, secondo il Maggiore Pier Enrico Burri, è il numero di assuntori segnalati, ben 196 quelli identificati, le sostanze più consumate, principalmente dai giovani, rimangono il “fumo” e “l’erba”, nonostante ciò anche il consumo di eroina sembra in aumento mentre si è registrato un calo per la cocaina. Nell’ambito della tutela della salute e del lavoro sono state 96 le ispezioni compiute dai NAS (Nucleo Anti Sofisticazioni), nel 50% dei casi sono state accertate violazioni amministrative o penali che hanno portato a denunciare 50 persone e a dei sequestri per un controvalore di 100 mila euro. I Nil (Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro) invece sono intervenuti in 169 controlli constatando 81 violazioni di cui 55 penali accertate, ben 61mila euro il valore dei contributi sottratti all’Inps recuperati dall’Arma.

Infine le contravvenzioni del codice della strada elevate dai Carabinieri nella Provincia di Sondrio sono state 3856 con 442509 euro di somme riscosse. Le patenti ritirate per guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono state 268. “Poiché prevenire è meglio che reprimere – è il giudizio del comandante provinciale, Colonnello Paolo Ferrarese (nella foto) – risultati ottenuti sono merito dell’impegno dei militari in servizio nella nostra provincia, che hanno garantito una costante e attiva presenza sul territorio sviluppatasi in 16mila servizi di pattuglia”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136