QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Spaccio di droga: nel week end otto arresti dei carabinieri nel Bresciano

lunedì, 17 marzo 2014

Manerba del Garda – Blitz antidroga nel Bresciano. Nella tarda serata i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente un marocchino classe 1973 residente a Moniga del Garda (Brescia) disoccupato, regolare. In particolare i militari dopo aver condotto specifica attività investigativa su episodi di spaccio nel territorio hanno effettuato alcuni servizi di  osservazione e pedinamento bloccando lo spacciatore in una via isolata di quel comune mentre attendeva l’arrivo di un cliente. La perquisizione personale eseguita ha consentito di rinvenire nella sua disponibilità 8 grammi di cocaina in dosi. L’uomo è stato arrestato e trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando.
Nel corso del rito direttissimo l’arresto è stato convalidato ed il soggetto condannato alla pena di un anno di detenzione domiciliare e 3.000 euro di multa. carabinieri spaccio cocaina

ALTRI ARRESTI

I militari della locale stazione hanno arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio.un marocchino classe 1985 residente a Gavardo, disoccupato, regolare, già pregiudicato per tale tipo di reati. In particolare i militari dopo aver condotto specifica attività investigativa su episodi di spaccio nel territorio hanno effettuato alcuni servizi di osservazione e pedinamento bloccando lo spacciatore in una via di quel comune mentre cedeva 5 grammi di hashish ad un cliente. La perquisizione personale eseguita ha consentito di rinvenire nella sua disponibilità 80 euro in banconote di piccolo taglio ritenute provento dell’attività illecita. L’uomo è stato arrestato e trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando in attesa del rito direttissimo.

I carabinieri hanno arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio e detenzione illegale di armi una coppia, un giovane classe 1989 residente ad Agnosine (Brescia) ed una donna classe 1967 residente ad Odolo (Brescia), entrambi conosciuti per piccoli precedenti. I due sono stati bloccati dopo che i militari da giorni seguivano i loro movimenti. La Stazione di Sabbio indagava infatti su episodi di spaccio nel territorio ed ha localizzato l’abitazione in uso ai due dove è stata effettuata una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire in loro possesso 160 grammi di marijuana con vario materiale per il confezionamento, un fucile da caccia cal. 12 privo di matricola con 20 munizioni ed una pistola fedele riproduzione di una Beretta in dotazione ai militari. I due arrestati sono stati tradotti nel Carcere di Brescia e di Verziano. Dopo l’interrogatorio di
garanzia gli arresti sono stati convalidati ed i soggetti sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. per tre giorni la settimana.

Nella tarda serata i militari della locale Stazione Carabinieri, insieme ai colleghi del Nucleo Radiomobile hanno arrestato in flagranza per il reato di tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di arnesi da scasso 4 soggetti di origine rumena, tutti pluripregiudicati per reati specifici. I militari nel corso di un servizio di perlustrazione, grazie alla tempestiva segnalazione di un
cittadino, hanno sorpreso i 4 mentre tentavano di forzare l’ingresso di un esercizio commerciale adibito alla vendita di biciclette in Nozza di Vestone. Alla vista dei militari i quattro hanno tentato la fuga con l’auto in loro uso, una fiat stilo grigio metallizzato, ma poco dopo sono stati bloccati. Il tentativo di furto è stato anche immortalato dal sistema di video sorveglianza dell’esercizio. In possesso dei ladri i militari hanno rinvenuto numerosi arnesi da scasso. I quattro sono stati arrestati e trattenuti nelle camere di sicurezza del Comando. Da accertamenti effettuati si è scoperto che uno dei quattro malviventi nel febbraio scorso era stato
condannato ad 8 mesi (pena sospesa) per un analogo furto, commesso a Brescia. Nel corso del rito direttissimo gli arresti sono stati convalidati ed i quattro condannati all’obbligo di dimora.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136