QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Spaccio a Bormio e Tirano, un arresto dei carabinieri e due segnalazioni

lunedì, 16 aprile 2018

Livigno – Spaccio di droga, un arresto e due segnalazioni amministrative per detenzione di sostanze stupefacenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Tirano e delle stazioni dell’Alta Valtellina.

A Bormio i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tirano hanno arrestato M.C., 46enne cittadino italiano, domiciliato a Tirano, per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata allo spaccio.

L’operazione ha preso le mosse da un controllo degli avventori di un bar sito nel centro dell’Alta Valle, finalizzato alla repressione del fenomeno dello spaccio di droga. Durante il controllo M.C. è apparso particolarmente teso e nervoso. Il suo atteggiamento ha insospettito i militari, che hanno deciso di approfondire l’accertamento. Inizialmente gli uomini dell’Arma gli hanno chiesto se detenesse sostanze illegali, ma a fronte della risposta tentennante, è stato eseguito un controllo accurato. Nello zainetto che l’uomo portava in spalla sono stati trovati due distinti sacchetti in plastica sigillati, contenenti rispettivamente 50 grammi e 30 grammi di marjuana, oltre a tre involucri contenenti complessivamente 5 grammi di cocaina. A questo punto i carabinieri hanno deciso di estendere il controllo al domicilio del 46enne. Qui, in un cassetto di un comodino, nella camera da letto, è stato trovato un terzo sacchetto sigillato contenente altri 26 grammi di marjuana. M.C. è stato quindi dichiarato in stato arresto per il reato di detenzione di 100 grammi di marjuana e 4 grammi di cocaina, quest’ultima già suddivisa in dosi, modalità di confezionamento che ha fatto propendere gli investigatori per la contestazione dell’evidente finalità di spaccio. M.C. è stato sottoposto alla misura precautelare degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto che ha avuto luogo questa mattina presso il Tribunale di Sondrio. Il G.I.P. su richiesta del Pubblico Ministero dott.ssa Luisa Russo, ha convalidato l’arresto e applicato a M.C. la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro per essere inviata al Laboratorio di Analisi di Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Brescia, dove sarà quantificato il principio attivo in essa contenuto.

A Livigno i carabinieri invece, nei giorni scorsi, durante la quotidiana attività di prevenzione e repressione dei reati connessi agli stupefacenti, svolta nel piccolo Tibet, hanno segnalato un consumatore di marjuana trovato in possesso di una dose di cannabis durante un controllo effettuato presso gli alloggi dei dipendenti di un hotel, mentre, a seguito di un controllo alla circolazione stradale, durante un posto di blocco, hanno sequestrato al conducente di un’autovettura una dose di MDMA e una di funghi allucinogeni. L’uomo, di nazionalità argentina, è stato sanzionato con il ritiro immediato della patente di guida, avendo egli la disponibilità immediata di un’autovettura e quindi in ragione del ponderato rischio che il medesimo potesse mettersi alla guida dopo aver assunto le sostanze di cui era stato trovato in possesso Anche in questo caso la sostanza è stata sequestrata e i due uomini sono stati segnalati alla Prefettura per le sanzioni amministrative di competenza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136