QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Soccorso alpino: intervento in Presanella per il recupero di un alpinista caduto in un crepaccio

domenica, 13 luglio 2014

Presanella - Oggi, intorno alle 10, il Soccorso alpino – Servizio provinciale trentino è intervenuto per il recupero di un alpinista di Schio, in provincia di Verona, scivolato in un crepaccio per circa 8 metri.soccorsoalpino

L’alpinista, insieme ad altri due compagni di cordata, aveva scalato in mattinata la classica via “Faustinelli” che si sviluppa sulla parete nord della Presanella. Sulla via del ritorno, mentre scendeva dalla via Normale legato in cordata con i compagni, poco dopo Passo Freshfield, a quota 2900-3000 metri circa, forse perché in quel momento senza ramponi, è scivolato sulla neve, cadendo in un crepaccio.

I compagni, grazie al fatto di essere legati, hanno subito bloccato, con la corda, la caduta dell’alpinista, effettuando le necessarie operazioni di autosoccorso. Hanno quindi chiamato i soccorsi, telefonando al 118 alla Centrale operativa di Trentino Emergenza.

L’Area operativa “Trentino occidentale” del Soccorso alpino, di concerto con la Centrale operativa di Trentino emergenza, ha subito inviato sul posto l’elicottero, con a bordo il Tecnico di elisoccroso del Soccorso alpino e il personale medico e una prima squadra di tre tecnici della Zona operativa “Val di Non- Val di Sole” che sono stati portati in quota dal mezzo aereo.

Verricellati sul luogo dell’incidente, dove impervesava la nebbia, i soccorritori hanno quindi iniziato le manovre di soccorso che si sono presentate subito impegnative a causa della particolare conformazione del crepaccio. Per accelerare le operazioni è stato quindi chiesto il rinforzo di altri tre tecnici della Zona operativa “Val di Non- Val di Sole”, portati in quota dall’elicottero.

L’alpinista nella caduta ha riportato delle ferite, a quanto risulta non gravi, e appena recuperato dal crepaccio è stato verricellato a bordo dell’elicottero e trasportato all’Ospedale Santa Chiara di Trento.

I compagni di cordata, con una seconda rotazione, sono stati fatti salire a bordo dell’elicottero e trasportati fino al Rifugio Denza, da dove sono poi scesi in valle insieme agli uomini del Soccorso alpino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136