QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sicurezza, nel Bresciano due arresti da parte dei Carabinieri

mercoledì, 26 febbraio 2014

Vobarno – I militari della Stazione dei Carabinieri di Vobarno hanno tratto in arresto in flagranza per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, un operaio classe 1970, con precedenti di polizia.Carabinieri Darfo Boario

In particolare i militari nel corso di un servizio perlustrativo, notavano il pregiudicato mentre sostava in atteggiamento sospetto a bordo della propria autovettura. Alla vista dei militari il soggetto mostrando evidenti segni di nervosismo scendeva dall’auto e con indifferenza tentava di allontanarsi a piedi. Una volta bloccato pero’ il soggetto inveiva contro i militari e dopo averli spintonati gettava frettolosamente a terra un involucro contenente sostanza stupefacente tipo cocaina, tentando quindi la fuga. Dopo breve inseguimento a piedi i militari riuscivano a bloccare e ammanettare il soggetto, che imperterrito opponeva resistenza.

Nell’occorso uno dei militari riportava lesioni alla mano sinistra guaribili in quattro giorni. La sostanza stupefacente, grammi 1 (uno) circa di cocaina, veniva recuperata e posta sotto sequestro, in attesa di essere analizzata per la successiva contestazione al soggetto dell’art. 75 dpr 309/90 (quale assuntore di stupefacenti). L’arrestato è stato quindi tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. Nel corso del rito direttissimo l’arresto è stato convalidato ed il legale dell’uomo ha richiesto i termini a difesa con rinvio dell’udienza.

Intanto a Polpenazze  i militari della Stazione dei Carabinieri Manerba del Garda nel corso di servizio perlustrativo hanno tratto in arresto in flagranza per il reato di atti persecutori, L. B. E. di origini francesi classe 1966, pregiudicato per reati contro la persona, disoccupato. In particolare i militari a seguito di segnalazione, sono intervenuti presso l’abitazione della ex coniuge dell’uomo accertando che lo stesso era li davanti e con insistenza e arroganza tentava di entrare in casa, chiedendo alla donna di parlare della loro relazione sentimentale, troncata nel giugno 2012. L’uomo gia’ in precedenza si era reso protagonista di episodi di violenza e molestie nei confronti della donna, che per tali condotte lo aveva denunciato al Comando Stazione di Manerba del Garda. L’arrestato è stato poi tradotto presso il proprio domicilio. Nel corso del rito direttissimo l’arresto è stato convalidato e l’uomo condannato al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla parte offesa e di mantenere dalla stessa una distanza di almeno trecento metri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136