Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sicurezza, guardie giurate da giugno a Trento: finanziato il progetto “Un custode per il quartiere”

venerdì, 22 marzo 2019

Trento – Garantire maggiore sicurezza e vivibilità ai cittadini e alle attività commerciali in aree della città di Trento interessate da fenomeni di degrado urbano. Questo l’intento del progetto “Un custode per il quartiere” che la Giunta provinciale, su proposta del presidente, Maurizio Fugatti, ha oggi finanziato, su richiesta del Comune, con 50 mila euro.

guardie giurate vigilanzaIl progetto, della durata di un anno, partirà dal 1 giugno 2019 ed interessa due zone centrali della città. Quella, che ruota attorno a Piazza S. Maria Maggiore e quella che riguarda le vie limitrofe al Parco di San Marco. In un secondo momento il progetto potrebbe estendersi ad un terza area, che comprenda Piazza Dante.

In queste zone è prevista l’organizzazione di un servizio di vigilanza armata, mobile, svolto da istituti di vigilanza privata individuati dal Comune, quale punto di riferimento per i cittadini e gli operatori economici presenti sui luoghi oggetto della sorveglianza.

L’azione di vigilanza, che si svolgerà in orario pomeridiano e serale, avrà soprattutto un carattere deterrente, atto a prevenire danneggiamenti al patrimonio comunale o a beni di valenza pubblica, come scuole o chiese. Il progetto è stato condiviso con il Commissariato del Governo e con la Questura.

La Giunta provinciale ha invitato il Comune a valutare la possibilità di estendere il progetto, che parte in via sperimentale, anche ad altre aree urbane.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136