QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Si lancia dal Duomo di Milano, denuncia per base jumper trentino

giovedì, 4 luglio 2013

Milano- Una bravata che potrebbe costare caro a un volto noto trentino. Questo in sintesi quanto successo oggi nel centro di Milano e che ha visto protagonista un base jumper trentino: Maurizio Di Palma si è paracadutato dalle guglie del Duomo. Per l’impresa il jumper rivano, noto da tempo per le sue iniziative originali, avrebbe passato la notte all’interno del Duomo nascondendosi dietro un’ intercapedine al momento della chiusura della terrazza dalla quale poi si sarebbe gettato. Una notte in cima alla cattedrale tra le  guglie gotiche di Santa Maria Nascente prima dell’alba: alle 6.48 del mattino si è lanciato e subito dopo l’atterraggio ha raccolto il paracadute e si è dato alla fuga verso la metropolitana MM1. Dopo la ricostruzione degli agenti grazie ai testimoni, Di Palma è stato fermato e con ogni probabilità verrà denunciato all’autorità giudiziaria che deciderà in base a quale reato procedere. Le ipotesi sono per procurato allarme, la violazione di domicilio e il getto pericoloso di cose.Duomo-di-Milano

CHI E’ MAURIZIO PALMA
Maurizio Di Palma, 34 anni, residente della provincia di Trento, è un base jumper professionista. Al suo attivo ci sono oltre 2.500 imprese spericolate, tra lanci da grattacieli, viadotti e location d’eccezione. Alcuni lo ricordano per i suoi lanci dalla torre che svetta in Piazza del Campo a Prato e dalla torre di Pisa, altri per i record in Venezuela, Stati Uniti, Cina, Malesia, Singapore, Marocco. Le sue imprese sono state tutte rigorosamente riprese con apposite telecamere GoPro montate sul caschetto e poi caricate su Youtube. Sulla sua pagina Facebook lo si vede in giro per il mondo vestito con particolari tute alari che servono per planare come un uccello. Sia l’autore sia i suoi amici sono incensurati e non appartengono a nessun gruppo legato a tematiche estremistiche, sono solo accomunati dalla passione per le esperienze pericolose e scenografiche. Il loro fine era solo quello di pubblicare un video adrenalinico da far girare su internet.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136