Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Sfruttamento della prostituzione in una casa, 47enne brasiliana arrestata dai carabinieri di Brescia

giovedì, 6 dicembre 2018

Brescia - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brescia, a seguito di una attività investigativa, hanno tratto in arresto per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione una donna di 47 anni di origini brasiliane, con cittadinanza italiana, che gestiva una casa del piacere sita in via Corfù.

I militari, nel corso delle indagini, hanno accertato che la donna, nonostante avesse fittiziamente intestato l’immobile al figlio venticinquenne, ne aveva la materiale disponibilità e lo aveva destinato, in via esclusiva e permanente, alla pratica del meretricio.

La maitresse, come accertato dagli inquirenti, almeno da due anni, reclutava e gestiva con modalità para-imprenditoriali l’attività di molteplici giovani donne di varie etnie, imponendo loro regole ferree, pubblicizzando l’attività anche sulla rete internet, e, ovviamente, traendo cospicui profitti dalle prestazioni sessuali da queste offerte ai clienti.

Le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Brescia, compendiate anche da accertamenti patrimoniali che hanno permesso di acclarare la sproporzione tra gli introiti e i redditi dichiarati dalla donna, hanno permesso all’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Brescia di emettere altresì un decreto con il quale veniva disposto il sequestro preventivo dell’appartamento in questione, del valore di 80.000 euro.

Nel corso dell’esecuzione del decreto, i militari hanno trovato all’interno, oltre alla maitresse, tre “lucciole”, una delle quali si era nascosta sul balcone al fine di sfuggire al controllo, e un cliente. Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti numerosi “strumenti del mestiere” nonché le buste contenenti il denaro destinato, a titolo di percentuale, alla padrona di casa.

Dopo aver trascorso il fine settimana presso la Casa Circondariale di Verziano, la donna è stata ascoltata durante l’interrogatorio di garanzia, nel corso del quale è stato convalidato l’arresto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136