QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Senza biglietto sul treno Tirano-Milano, due minorenni scappano ma vengono fermati e arrestati dai carabinieri

lunedì, 29 agosto 2016

Sondrio – Senza biglietto, scappano saltando dal treno in corsa. Arrestato dai carabinieri 16enne, denunciato l’amico 17enne.         Erano stati sorpresi senza biglietto a bordo di un treno regionale sulla linea Tirano-Milano, poco prima dell’arrivo nella stazione di Morbegno, ma, sentito che il capotreno, insospettito dall’atteggiamento dei due, stava chiamando il 112, richiedendo l’intervento dei carabinieri per effettuare un controllo, prima dell’arresto del convoglio, si sono lanciati da un finestrino, con il treno ancora in corsa, dandosi poi alla fuga a piedi lungo le vie limitrofe alla stazione ferroviaria.

E’ successo nel tardo pomeriggio ieri. Le ricerche, immediatamente condotte sul posto dai militari del locale comando stazione carabinieri, che fa parte della Compagnia di Sondrio guidata dal capitano Claudio de Leporini, hanno permesso di rintracciarli poco dopo, non lontano.

Carabinieri - foto nuova10

I due, entrambi minorenni, originari della Provincia di Sondrio, rispettivamente di 17 e 16 anni, già noti alle forze dell’ordine, sono stati così sottoposti a perquisizione personale: il 17enne è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama della lunghezza di 8 cm., sottoposto a sequestro, e, pertanto, è stato denunciato in stato di libertà per “possesso ingiustificato di arma da taglio”.

Il 16enne, invece, è risultato destinatario di una misura di custodia cautelare in carcere, emessa lo scorso 25 agosto dal Tribunale per i minorenni di Milano, per violazione delle prescrizioni imposte, in quanto, già collocato presso una comunità per minori della Provincia di Milano, a seguito di arresto per “maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate e resistenza a P.U.”, si era allontanato arbitrariamente dalla stessa.
Al termine delle formalità di rito, quindi, il 16enne è stato condotto presso l’istituto di pena minorile “Cesare Beccaria” di Milano, a disposizione della Procura che ha emesso il provvedimento restrittivo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136