QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Sarnico: addio a Carlo Riva, pioniere della nautica italiana

lunedì, 10 aprile 2017

Sarnico – Addio al pioniere della nautica italiana. È morto, nella sua abitazione di Sarnico (Bergamo), Carlo Riva, 95 anni, ingegnere ex patron della società di costruzione dei motoscafi di lusso. Il suo nome è conosciuto in tutto il mondo: partito da Sarnico ha conquistato il mondo. Cordoglio è stato espresso da tutto il mondo.Riva Carlo

Il cantiere Riva prende avvio sul lago d’Iseo, guadagna notorietà e rispetto e negli anni ’50 compie il salto di qualità con Carlo Riva, animato fin dalla più giovane età da una passione sconfinata per le barche e per l’azienda di famiglia. Riva è sinonimo di eleganza, status, perfezione. Materiali scelti solo tra i migliori, dettagli curati nei dettagli. Il grande salto di qualità nel 1962 quando lancia Aquarama, un mito.

Nel settembre 1969, Carlo Riva, amareggiato dall’asprezza del clima sindacale, vende il cantiere alla statunitense Whittaker, mantenendo le cariche di Presidente e Direttore Generale, dalle quali si dimette nel luglio 1971. Nel 1989, a un anno dall’acquisto del cento per cento delle azioni della società Riva da parte del gruppo inglese Vickers, di cui faceva parte anche il brand Rolls-Royce, Gino Gervasoni, che ha sposato la sorella di Carlo Riva, lascia il cantiere dopo 41 anni di attività. Termina cosi la presenza della famiglia Riva nel cantiere. Oggi Carlo Riva ci ha lasciati e si è chiuso un’era sulle riva del lago d’Iseo.

Domani, alle ore 11.00 verranno celebrati i funerali, e Sarnico si fermerà: scuole e negozi chiusi e bandiere a mezz’asta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136