QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Salò: furto in abitazione, due arresti dei carabinieri

sabato, 3 giugno 2017

Salò - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Salò, con la collaborazione della Stazione di Manerba del Garda e di Toscolano Maderno, hanno arrestato per furto in abitazione e resistenza a pubblico ufficiale, nel pomeriggio dello scorso 1° giugno, una coppia di ladri d’appartamento.

Salò arrestiNel primo pomeriggio di ieri la Centrale Operativa della Compagnia di Salò (Brescia) , veniva segnalato che poco prima all’interno di un’abitazione di Toscolano Maderno era stato consumato il furto di un’autovettura Lancia Y.

Una pattuglia del Nucleo Radiomobile in transito sulla statale 45 bis in zona Salò, ricevuta la segnalazione, si dirigeva velocemente verso Toscolano. Pochi chilometri e davanti ai due militari si materializzava l’autovettura ricercata.

L’autista invertita rapidamente la marcia, si lanciava all’inseguimento del veicolo il cui conducente iniziava ad effettuare manovre evasive, incurante dell’alt intimatogli, proseguendo per alcuni chilometri sino a quando, nei pressi dell’uscita di Gavardo, veniva bloccato.

L’uomo scappava a piedi ma veniva acciuffato dai due Carabinieri che, con la collaborazione di altri militari nel frattempo intervenuti, riuscivano ad acquisire ulteriori notizie.

Si apprendeva così che il furto dell’auto, in quel momento condotta da un 33enne censurato di Botticino, era stato commesso dopo aver avuto accesso all’abitazione e che il soggetto aveva un complice che lo seguiva con un’altra autovettura.

Il secondo, un 43enne anche lui noto alle cronache, veniva rintracciato poco dopo a Polpenazze del Garda nel mentre stava scaricando dalla propria auto diversi oggetti (monitor, telefoni cellulari, occhiali, argenteria, ecc..) che, in attesa delle opportune verifiche, sono stati sequestrati in quanto ritenuti provento di furto.

I due arrestati sono stati processati presso il Tribunale di Brescia nella mattinata di oggi e, al termine della convalida in attesa della prossima udienza, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136