Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Sale Marasino, arrestato 61enne per furto su auto. Altri due blitz dei carabinieri nel Bresciano

giovedì, 9 agosto 2018

Sale Marasino - I carabinieri della Stazione di Iseo (Brescia) nella tarda mattinata di ieri, nel Comune di Sale Marasino, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato di furto aggravato su autovettura un 61enne italiano, censurato.

I militari durante un servizio a largo raggio, predisposto in occasione della stagione estiva e finalizzato a contrastare i reati predatori in danno di turisti, in particolare i furti su autovetture, mentre stavano vigilando lungo la pubblica via Provinciale del Comune di Sale Maresino, hanno notato l’uomo armeggiare nei pressi di un’autovettura Volkswagen Multivan, con targa straniera, parcheggiata. Insospettiti dal suo fare guardingo decidevano di procedere al suo controllo, sorprendendolo con in mano una borsa appena sottratta dall’interno dell’automobile, dopo aver infranto il vetro della portiera posteriore destra.

L’uomo, colto in flagranza, è stato immediatamente bloccato ed arrestato. L’auto, così come la borsa trafugata, la quale conteneva effetti personali, sono risultati di proprietà di un turista tedesco, che soggiornava nella zona. Il maltolto è stato subito restituito al malcapitato che ha ringraziato i militari per la tempestività dell’intervento.

L’arrestato è stato accompagnato in Caserma e dopo le formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero, condotto presso la propria abitazione e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, in attesa di essere condotto avanti il Tribunale di Brescia che, in data odierna, ha convalidato l’arresto.

ARRESTO PER DROGA

I Carabinieri di Orzinuovi hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina un manerbese 38enne, nullafacente, con precedenti specifici per spaccio in materia di stupefacenti per i quali era ristretto in regime della detenzione domiciliare.

L’uomo, nonostante una condanna per spaccio di sostanze stupefacenti per la quale stava scontando la pena di mesi 5 e 10 giorni di detenzione domiciliare, aveva deciso di continuare la propria attività lucrosa di spaccio di cocaina. L’attività ha avuto vita breve stroncata sul nascere dai carabinieri di Orzinuovi, i quali, notando immediatamente una presenza di tossicodipendenti nei pressi dell’abitazione dell’uomo, hanno effettuato un servizio di osservazione presso l’abitazione del pusher,  effettuando l’irruzione nel momento in cui un noto tossicodipendente ne faceva ingresso. Durante la perquisizione sono stati sottoposti a sequestro 25 grammi di cocaina, 30 grammi di marijuana ed 330 euro verosimile provento dello spaccio. Immediatamente arrestato l’uomo è stato condotto in carcere, dove, dopo la convalida avvenuta nella mattina dei ieri, rimarrà per scontare la pregressa e la nuova pena che verosimilmente verrà inflitta.

ARRESTO PER EVASIONE

I Carabinieri di Dello hanno arrestato per evasione un 40enne ristretto agli arresti domiciliari per i reati di estorsione, furto e danneggiamento, poichè trovato alla guida del suo scooter. L’uomo era ristretto al regime degli arresti domiciliari, in attesa del processo che lo vede imputato per i reati di atti persecutori, danneggiamento e furto commessi nel 2017 ai danni del padre.

Ma, a suo dire, a causa del caldo aveva bisogno di rinfrescarsi e l’unico refrigerio riteneva potesse averlo alla guida del proprio scooter. Scusa peraltro già utilizzata lo scorso luglio, quando era stato ricondotto nella propria abitazione e denunciato a piede libero per evasione. Ad Agosto, ancora una volta trovato a bordo del proprio ciclomotore, si è giustificato nuovamente per il caldo. In questa occasione però l’Autorità Giudiziaria ha ritenuto non adeguata la misura in atto; l’uomo dopo l’arresto per evasione, a seguito di convalida, è stato pertanto condotto in carcere. Ora, finalmente, potrà trascorrere le giornate, autorizzato, “al fresco” nel carcere di Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136