QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Riva del Garda: recuperati 13 ordigni delle due Guerra Mondiali, bonificato il fondale del Benaco

domenica, 30 aprile 2017

Riva del Garda - Altra bonifica sul lago di Garda, sempre sul fondale trentino. L’intervento è stato effettuato dagli artificieri del 2° Reggimento genio guastatori alpini di Trento con i palombari della Marina militare. Gli artificieri dell’Esercito e della Marina Militare hanno terminato oggi una nuova fase di recupero e distruzione in sicurezza di residuati bellici inesplosi, rinvenuti sul fondale del Lago di Garda, evidenziando quanto ancora siano pericolosi questi manufatti che spesso si trovano nei più diversi scenari del territorio della Regione Trentino Alto Adige. I Palombari del Comsubin di La Spezia hanno spiaggiato in sicurezza 13 ordigni risalenti al Primo e Secondo Conflitto Mondiale, durante tre giorni di continue immersioni.Artificieri sul Garda 1

Tali dispositivi esplosivi, presi in consegna dagli artificieri appartenenti al 2° reggimento genio guastatori alpini di Trento, sono stati trasportati e distrutti presso un luogo appropriato, con la minuziosa cornice di sicurezza garantita delle Forze dell’Ordine.

Le operazioni di rinvenimento e di brillamento, che stanno dando valore alla grande intesa tra le Forze Armate italiane e gli Enti civili coinvolti, sono state assicurate grazie all’attività sinergica dei guastatori alpini della Brigata alpina JULIA, dei Vigili del Fuoco Volontari di Riva del Garda, del Commissariato di Polizia e della Polizia Locale di Riva del Garda, della Guardia Costiera e del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, con il coordinamento e la pianificazione del Commissariato del Governo di Trento e del Comando Forze Operative Nord di Padova.

L’A.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136