QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Riva del Garda: danneggiamenti e spaccio, raffica di multe e denunce da parte dei carabinieri

domenica, 28 agosto 2016

Riva del Garda - I carabinieri della Compagnia di Riva del Garda (Trento), nel corso dei servizi di prevenzione generale intensificati secondo il Piano “Agosto sereno” voluto e predisposto dal Comando Provinciale di Trento, hanno effettuato dei controlli straordinari del territorio in particolare in concomitanza con “la notte di fiaba”, tradizionale appuntamento gardesanocarabinieri

Il primo controllo ha visto un cittadino nigeriano di 32 anni, O.P., residente ad Arco, denunciato perché trovato in possesso di 25 grammi di hashish, pronto per essere venduto. Avrebbe incassato quasi 300 euro dalla vendita.

I successivi controlli hanno permesso di effettuare un sequestro amministrativo di droga a carico di un 37enne, perito informatico di Arco, che per la serata si era procurato 2 grammi di marijuana. Immediata la segnalazione al Commissario di Governo.

Ultimo “pescato” a Riva del Garda e sanzionato è una barista 31enne di Tenno che vagava per il centro cittadino in evidente stato di ubriachezza. 100 euro la sanzione.

I controlli, che hanno riguardato tutta la Busa, sono proseguiti nella notte e hanno portato i militari di Torbole all’identificazione e alla denuncia in stato di libertà per danneggiamento in concorso di 3 cittadini tedeschi, tutti tra i 25 ed i 30 anni, in vacanza a Torbole, che alle 3 di notte si sono infilati in una rosticceria del lungolago in cerca di uno spuntino. Il titolare, dopo aver spiegato loro che il locale era già chiuso e non c’era la possibilità di servirli, si è visto danneggiare il locale, con la vetrina andata in frantumi. Nella fuga i tre amici hanno anche danneggiato alcuni arredi urbani, prima di essere fermati e portati in caserma.

La nottata non è finita bene neanche per un 19enne di Arco, di origine tunisina, che nella notte è stato denunciato in stato di libertà dai Carabinieri di Arco per porto abusivo di un coltello. In totale sono state 57 le persone controllate e 35 i veicoli. Proprio l’alto numero di controlli e l’attività svolta ha consentito sulle rive del lago si sia raggiunto l’obiettivo di un “ferragosto sereno”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136