QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Riva del Garda, blitz dei carabinieri in stabili abbandonati: denunciato un nordafricano, recuperata bici rubata

venerdì, 31 luglio 2015

Riva del Garda – Controlli dei carabinieri in stabili abbandonati a Riva del Garda. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile assieme ai militari delle stazioni di Riva, Arco e Torbole, nella primissima mattinata odierna, hanno pianificato e operato due distinte attività di controllo in stabili fatiscenti e abbandonati del pieno centro storico rivano, per rispondere prontamente alle segnalazioni che, precise, negli ultimi giorni pervenivano dai cittadini.

Il cosiddetto “complesso 5 Maggio” è stato il primo ad essere oggetto di ispezione. Oltre ad una bicicletta nuova, per certo recentemente trafugata, all’interno è stato trovato un immigbici carabinieri 1rato nordafricano che occultava alcuni arnesi da scasso in una delle fatiscenti camere adattate a giaciglio. Per il trentenne M.F., già noto alle forze dell’ordine, senza fissa dimora, è scattata dunque la denuncia per “possesso ingiustificato di strumenti d’effrazione” oltre alla perquisizione personale che è stata estesa a tutta l’area abitata.

Nella medesima attività, i militari hanno rinvenuto e sequestrato anche 30 grammi di hashish già suddivisi in dosi per lo spaccio “su piazza”. Quindi, per il pregiudicato, è scattata anche la denuncia penale per detenzione ai fini dell’illecita cessione.

Il secondo controllo è stato concentrato in via Roma, all’ex Hotel Minerva, ove alcuni giorni fa era stata notata la presenza di alcuni soggetti furtivamente introdottisi nello stabile.

All’interno non è stata riscontrata la presenza di alcun soggetto, pur se chiari e visibili erano i segni della recente presenza di più “alloggiati”. Anche qui ritrovati alcuni telai di biciclette e ruote di cicli e motocicli di provenienza illecita, ma assai difficilmente riconducibili agli originari proprietari.

Intervenuti unitamente ai militari rivani, anche i carabinieri cinofili di Laives con un cane antiesplosivo, fatto operare nei luoghi ispezionati per bonificare preventivamente tutta l’area interna ed esterna, senza che segnalasse la presenza di alcuna arma.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136