QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Richiedenti asilo arrestati per spaccio, Rolfi: “A Brescia lo spaccio è il passatempo dei sedicenti profughi”

giovedì, 30 novembre 2017

Brescia – “Un plauso alle Forze dell’Ordine per l’operazione che ha consentito di trarre in arresto 12 persone legate allo spaccio di droga. Purtroppo, per l’ennesima volta, la metà di questi, 6 di nazionalità gambiana, risultano essere richiedenti asilo, ospitati in strutture pagate dallo Stato.” Così Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia

Fabio Rolfi“La misura è colma – prosegue Fabio Rolfi – perché si tratta dell’ennesimo caso, nella nostra città, di arresti legati al traffico di sostanze stupefacenti, che vede come protagonisti degli aspiranti profughi, che evidentemente hanno trovato un bel modo creativo per passare il loro tempo. Stando alla situazione odierna è giunto il momento di controllare ogni richiedente asilo di Brescia minuziosamente, verificando come impiega il suo immenso tempo libero. Mi chiedo anche, visto che l’attività della Polizia è durata a lungo, come mai i responsabili della cosiddetta accoglienza non si siano accorti di nulla fino a oggi.”

“Oltre al reato, già di per sé particolarmente odioso se si considera come la droga venga venduta ai nostri ragazzi, c’è poi la presa in giro verso una collettività che paga loro l’alloggio e il vitto in hotel e strutture. Oltre al danno quindi, la beffa e pure l’ingratitudine.

Appare chiaro come la situazione della cosiddetta accoglienza sia ormai completamente sfuggita di mano, con sedicenti profughi che di giorno spacciano in ogni parco o parchetto di Brescia, naturalmente senza che il sindaco Del Bono se ne accorga, mentre la sera se ne ritornano tranquillamente al caldo – chiosa Fabio Rolfi – nelle location gentilmente messe a disposizione grazie alle sudate tasse dei bresciani.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136