Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


“Riaprite il processo sulla strage di Erba”, la richiesta alla Corte d’Appello di Brescia

martedì, 21 novembre 2017

Brescia – Nuovi colpi di scena sulla strage di Erba. Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati in via definitiva per la strage di Erba, sono tornati in mattinata in un’aula di tribunale. Sono giunti al palazzo di Giustizia di Brescia per l’udienza per la richiesta di incidente probatorio su alcuni reperti mai utilizzati La strage di via Riaz a Erba risale all’11 dicembre 2006 e costò la vita a quattro persone e e il ferimento di una quinta. L’incidente probatorio riguarda, tra l’altro un accendino e altri reperti mai analizzati.

La richiesta dei legali della famiglia Romano è riaprire il processo  e l’avvocato Fabio Schembri si è dichiarato moderatamente “moderatamente fiducioso” che i giudici della Corte d’appello di Brescia dispongano l’incidente probatorio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136