Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Rapinatori seriali arrestati dai carabinieri del Radiomobile di Brescia

venerdì, 1 dicembre 2017

Brescia – I carabinieri arrestano due rapinatori seriali. Oggi i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brescia hanno tratto in arresto un catanese, pregiudicato, 42 anni e un marocchino di 29 anni su Ordine di Carcerazione emesso dal Gip presso il Tribunale Ordinario di Brescia su richiesta della locale Procura della Repubblica.carabinieri-brescia-01

I due soggetti, rintracciati presso i propri domicili a Verona dai militari operanti, devono difendersi dall’accusa di rapina aggravata, sequestro di persona, ricettazione e porto ingiustificato di arma bianca. Le indagini sono state avviate a seguito di due rapine commesse a volto scoperto e con la minaccia di arma bianca: il 23.5.2017 ai danni della Banca Popolare di Sondrio, agenzia di Brescia – viale Piave, per un bottino complessivo di 74.000 euro.

In quell’occasione quest’occasione otto persone presenti – tra impiegati e clienti – furono private della libertà personale e per oltre mezzora chiusi all’interno di uno sgabuzzino senza possibilità di comunicare con l’esterno;

il 17.11.2017 ai danni della Banca Popolare di Sondrio, agenzia di Montichiari (Brescia), per un bottino complessivo di 16.215 euro.

In entrambi i casi i rapinatori si distinguevano per la violenza utilizzata nei confronti dei direttori di filiale, ai quali puntavano alla gola rispettivamente un coltello a serramanico e un taglierino.

Per portarsi e allontanarsi dalle banche i malviventi adoperavano autovetture provento di furto. Gli arrestati sono stati tradotti presso gli istituti penitenziari di Brescia e Verona in attesa di giudizio. Accertamenti in corso per verificare se gli stessi siano responsabili di ulteriori rapine avvenute in altre province.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136