QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Rapina titolare di sala giochi di Sondrio, arrestato dai carabinieri 22enne

lunedì, 3 aprile 2017

Sondrio – La scorsa notte il proprietario di una sala giochi sita in pieno centro a Sondrio, è stato aggredito da un uomo travisato che, dopo averlo malmenato, gli ha rubato l’incasso della giornata. Erano le 2 circa, quando il proprietario della struttura ricettiva, un 47enne originario della Repubblica Popolare Cinese ma da anni residente in città, stava chiudendo il suo negozio ma i suoi movimenti erano tenuti sotto controllo da parte di un soggetto che, all’esterno del locale, aspettava il momento giusto per derubare il commerciante. L’aggressione si è svolta in pochi minuti: l’esercente è stato raggiunto alla spalle da una raffica di violenti colpi ed è riuscito a gridare aiuto dopo che l’assalitore è scappato con il borsello contenente l’incasso della giornata.

L’uomo rimasto a terra dolorante è riuscito a dare poche notizie alla pattuglia dei carabinieri intervenuti poco dopo. Le prime frammentate notizie acquisite dall’aggredito sono servite ai militari per mettersi immediatamente alla ricerca di un uomo, con il volto travisato, che scappava a piedi verso il fiume, con un borsello, appena strappato, contenente circa duemila euro. I militari hanno incrociato un uomo che alla vista della gazzella è scappato lanciando qualcosa in una campana per la raccolta del vetro trovata lungo il tragitto.

carabinieri Sondrio 1I carabinieri sono riusciti a bloccare il fuggitivo, un cinese, C.Q., 22 anni, residente da circa sei mesi in città, barista, che ha reagito provando a resistere all’arresto, e a recuperare, dal cassettone della raccolta differenziata, il passamontagna usato per l’aggressione, mentre il manganello artigianale è stato recuperato dai carabinieri direttamente sulla strada dove si è svolta l’aggressione, in quanto il commerciante, durante la colluttazione è riuscito a strappare l’arma dalle mani del suo aggressore.

La perquisizione personale ha permesso di rinvenire i 2mila euro appena rubati; mentre il negoziante, condotto all’ospedale della città, se la caverà con pochi giorni di prognosi per trauma facciale da percosse.

E’ accusato di rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale, adesso si trova nel carcere di Sondrio a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136