QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Rapina casalinga, marocchino arrestato dai carabinieri di Bagnolo Mella

martedì, 19 luglio 2016

Bagnolo Mella – Rapina casalinga, preso  dai carabinieri. Nel pomeriggio del 16 luglio 2016, un equipaggio della Stazione Carabinieri di Bagnolo Mella, impegnato in specifici servizi preventivi, ha arrestato C.H., 38 enne marocchino, in Italia senza fissa dimora, gravato da precedenti in materia di stupefacenti, colto in flagranza di rapina in danno di una casalingaresidente in Capriano del Colle, T.G. di 50 anni. Quest’ultima, mentre percorreva a piedi la via Crocefissa di Rosa in Poncarale, veniva avvicinata da un giovane descritto come un maghrebino di 30 anni, il quale con un gesto fulmineo e violento le strappava la catenina d’oro che portava al collo, scappando a piedi per le vie circostanti.

carabinieri

I militari operanti, sulla scorta della descrizione piuttosto particolareggiata fornita dalla vittima e grazie anche alla visione di alcuni filmati di un impianto di videosorveglianza installato in quel quartiere, riuscivano poco dopo a identificare il presunto responsabile dell’azione delittuosa.

Lo stesso veniva localizzato nelle vicinanze dell’abitazione situata in via Bagnolo Mella via Foppa, che sapevasi a lui in uso,  ed alla vista dei militari si dava a precipitosa fuga a piedi attraverso il vicino parco comunale, denominato “Parcobaleno”, ma veniva raggiunto e bloccato dai carabinieri dopo un breve inseguimento. C.H. veniva riconosciuto dalla vittima senza ombra di dubbio, mentre la perquisizione eseguita dai Carabinieri nella citata abitazione consentiva di rinvenire, occultata nella cappa di un camino, la collana oggetto della rapina, subito restituita alla signora che nel frattempo era ricorsa a cure mediche presso l’ospedale di Manerbio da cui veniva dimessa con una prognosi di guarigione di 7 giorni per una contusione alla spalla. L’arresto è stato convalidato nella mattinata odierna dal Tribunale di Brescia che ha inoltre disposto la custodia cautelare in carcere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136