QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Raffica di arresti da parte dei carabinieri della compagnia di Salò

martedì, 3 dicembre 2013

Valle Chiese – Controlli e interventi sul territorio dei carabinieri della compagnia di Salò. A San Felice del Benaco i militari della stazione di Salo’ hanno arrestato in flagranza per il reato di evasione, A. M. classe 1993 di origini sarde, pregiudicato, agli arresti domiciliari per reati inerenti gli stupefacenti. Nel corso di un servizio di controllo del territorio i militari del citato reparto hanno notato il soggetto che in compagnia di un amico girava in quel centro, procedendo quindi al suo arresto. Nel corso dell’udienza del rito direttissimo l’arresto è stato convalidato ed il pregiudicato condannato ad 8 mesi che dovrà scontare in carcere.

carabinieri manette
Invece a Bione i militari della stazione di Vestone hanno arrestato in flagranza per il reato di coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti T. J. 35 anni, operaio, incensurato. I militari a conclusione di una specifica attività finalizzata alla repressione dei reati inerenti gli stupefacenti, dopo alcuni servizi di osservazione sono intervenuti presso l’abitazione dell’arrestato ove a seguito di perquisizione hanno rinvenuto nella sua immediata disponibilità una serra artigianale per coltivazione dì marijuana in-door completa dì lampade, fertilizzanti, manuali dì istruzione e 15 piante di marijuana del’altezza di circa 120 centimetri, sostanza stupefacente già essiccata tipo marijuana per complessivi grammi 200 (duecento) bilancini di precisione e materiale per il confezionamento.

A Vestone i militari della locale stazione hanno arrestato in flagranza per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti E. H. N. E., nato in Marocco, classe 32 anni, operaio, pregiudicato per reati specifici. A conclusione di un attività investigativa che trae spunti da episodi di spaccio nel territorio, i militari sono intervenuti presso l’abitazione dell’uomo, ove a seguito di perquisizione effettuata con unità cinofila del Nucleo carabinieri dì Bergamo Orio al Serio (Bergamo) hanno rinvenuto nella sua immediata disponibilità sostanza stupefacente tipo hashish per complessivi grammi 200 (duecento) in panetti da 100 grammi ed un bilancino di precisione. Dopo la convalida dell’arresto il pregiudicato è stato condannato all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria

Infine a Gavardo i militari della stazione dei carabinieri hanno arrestato in flagranza per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti B. H., nato in Burkina Faso, 25 anni, residente a Villanuova sul Clisi, nullafacente, pregiudicato per reati specifici. In particolare i militari operanti, nel corso di specifica attività finalizzata alla repressione dei reati inerenti gli stupefacenti intercettavano il soggetto in quel centro ove a seguito di perquisizione rinvenivano nella sua immediata disponibilità sostanza stupefacente per complessivi grammi 10 grammi di marijuana divisa in dosi. La perquisizione, estesa anche al domicilio del fermato, consentiva di rinvenire ulteriori 5 grammi di cocaina suddivisa in dosi, materiale per il confezionamento, bilancino di precisione e la somma contante di 150 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’attività illecita. Nello scorso settembre il giovane era già stato arrestato per analogo reato e condannato ad un anno di reclusione con pena sospesa. Nell’udienza direttissima veniva convalidato l’arresto ed il legale di fiducia chiedeva i termini a difesa, dunque atteso il recente specifico precedente, il giovane spacciatore veniva trasferito in carcere fino alla data della prossima udienza. A Roè Volciano, i militari del locale Nucleo operativo e Radiomobile, nel corso di un servizio perlustrativo finalizzato al contrasto dei reati predatori, intercettavano in via Zanardelli un autovettura modello golf oggetto di furto, asportata da un abitazione di Calcinato con a bordo due malviventi. I militari intimavano loro l’alt ma gli stessi non ottemperando all’ordine, acceleravano e si davano alla fuga a fortissima velocità per le vie di quel centro. Ne scaturiva un inseguimento che proseguiva fino al comune dì Roe’ Volciano (BS) in una zona boschiva isolata dove improvvisamente i malfattori abbandonavano l’auto dileguandosi nella fitta vegetazione. Le ricerche disposte, anche con l’ausilio dì altre pattuglie in circuito, davano esito negativo. I militari rinvenivano a bordo dell’autovettura alcuni arnesi atti allo scasso, verosimilmente utilizzati dai malviventi. La vettura, dopo i rilievi tecnici di competenza (finalizzati a rinvenire tracce utili all’identificazione), veniva restituita al legittimo proprietario.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136