QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Profughi all’ex caserma Serini di Montichiari, Bordonali: “Un fallimento del Governo Renzi”. Rolfi: “Faremo resistenza”

lunedì, 7 novembre 2016

Montichiari – “La vicenda della ex caserma Serini di Montichiari e’ il terminale sul territorio bresciano di un fallimento storico del Governo Renzi. Al posto di mettere in pratica i rimpatri, come chiesto ormai da tutta Europa, sceglie di continuare a promuovere gli sbarchi, con i ringraziamenti delle cooperative che lucrano su questo business”. bordonali assessore regioneLo ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, commentando la notizia dell’inizio dei lavori di sistemazione della ex caserma Serini per l’accoglienza di richiedenti asilo.

NEL BRESCIANO 3 RICHIEDENTI SU 4 SONO CLANDESTINI
“Accogliere oltre 100 richiedenti asilo in un paese come Montichiari – ha aggiunto l’assessore – e’ folle. Tra l’altro alla Serini c’e’ spazio almeno per 500 persone come ho potuto personalmente constatare durante un sopralluogo. Problematiche simili si riscontrano su tutto il territorio italiano e sul territorio lombardo in particolare, dove il Governo sistema le caserme solo per piazzare aspiranti profughi, che a Brescia in 3 casi su 4 vengono riconosciuti come clandestini”.

PRIORITA’ GOVERNO E’ DESTINARE RISORSE PER IMMIGRATI
“In questo caso il costo dei lavori e’ di tre milioni di euro. E’ giusto che i cittadini di Montichiari – ha concluso Bordonali – sappiano che la priorita’ del Governo e’ di destinare risorse per l’accoglienza degli immigrati”.

Rolfi sui profughi all’ex caserma Serini: “Faremo resistenza, invitiamo i cittadini alla protesta”

“Le parole odierne del Prefetto rappresentano la conferma di quanto abbiamo denunciato appena ieri: i lavori alla ex caserma Serini sono imminenti, così come l’arrivo degli aspiranti profughi, futuri clandestini.” Così Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord al Pirellone.

“La fretta di chi ha deciso di trasformare la Serini in un centro per immigrati – prosegue Rolfi – dimostra quanto questa soluzione sia inaccettabile. Faremo resistenza contro questa decisione assurda e dannosa per la comunità. Invitiamo i cittadini a scendere in piazza per protestare contro chi pensa di poter fare di un territorio, già martoriato per altre cause, il capro espiatorio dei problemi del Nord Italia.

Infine stigmatizziamo il comportamento del sindaco Fraccaro: generalmente un amministratore locale si batte per difendere i cittadini che ha l’onore di rappresentare, non va con il cappello in mano – chiosa Rolfi – a prendere ordini dal Prefetto.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136