QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Presolana, due alpinisti bloccati in cordata: intervento del Soccorso alpino

domenica, 11 ottobre 2015

Presolana – Giornata impegnativa oggi per i tecnici della VI Delegazione Orobica del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). Le squadre, composte in tutto una quindicina di persone, stanno rientrando in questo momento da un intervento complicato, che ha riguardato il recupero di due alpinisti, un uomo e una donna, bloccati in cordata.soccorso alpino elisoccorso

Stavano scendendo dal versante sud della Presolana, lungo la Via Saglio, quando la donna si è infortunata a una gamba, per cause da accertare. Non riusciva a proseguire e quindi hanno allertato i soccorsi: è decollata l’eliambulanza del 112, che però non riusciva ad avvicinarsi, perché in prossimità dei due alpinisti c’erano nebbia e condizioni meteorologiche avverse; allora il mezzo ha imbarcato i primi due tecnici, quelli sempre presenti in base per le emergenze presso il Centro operativo di Clusone, e li ha trasportati in quota. Un’altra squadra di quattro soccorritori nel frattempo è sopraggiunta, pronta per partire; anche loro sono stati elitrasportati nei pressi del luogo dell’intervento; altri cinque tecnici sono rimasti a disposizione, in caso di ulteriore supporto.

Il Dipartimento di Protezione civile della Lombardia ha pure messo a disposizione un secondo elicottero, già predisposto per il decollo da Vilminore di Scalve, nel caso in cui si fossero resi necessari altri movimenti. Sul filo delle effemeridi, con i tecnici comunque già praticamente sul posto, la nebbia si è aperta e l’eliambulanza, con un ultimo tentativo di avvicinamento, è riuscita a localizzare e a raggiungere i due alpinisti, che sono stati recuperati con il verricello e poi trasportati in ospedale per accertamenti. Un intervento complesso, con esito positivo proprio grazie alla collaborazione e al coordinamento fra le squadre del Soccorso alpino e l’équipe dell’eliambulanza, che hanno lavorato congiuntamente in condizioni non facili. Per l’altra operazione invece si è trattato del recupero di un escursionista, un uomo di Samarate (VA), che era uscito da solo per un’arrampicata in Presolana. La chiamata è giunta poco prima delle 14:30. A un certo punto si è fatto male a un piede ma è sceso da solo fino a Baita Resinelli; poi però ha deciso di chiedere aiuto perché non poteva più andare avanti. Lo hanno raggiunto con un mezzo speciale fuoristrada del CNSAS e lo hanno trasportato a valle.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136