QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Polizia di Stato contro spaccio e furti: a Trento arrestato albanese, denunciati un nigeriano e tre magrebini

mercoledì, 16 novembre 2016

Trento – Gli operatori della Squadra Volante, hanno tratto in arresto K.M., cittadino albanese di 26 anni, sul quale pendeva un ordine di custodia cautelare, emesso dal Tribunale di Trento nel 2013, per reati legati allo spaccio di sostanza stupefacente.

Il cittadino albanese, latitante da più di tre anni, è stato notato da personale della Squadra Volante mentre, in località Gardolo, tranquillamente attendeva l’autobus. Alla vista della Volante, il 26enne albanese ha tentato la fuga ma è stato prontamente rincorso dagli operatori della Squadra Volante e quindi arrestato. Condotto in Questura, l’albanese ha ammesso di essere stato all’estero durante la sua latitanza e di essere arrivato a Trento nelle prime ore della mattinata. Contestualmente, il cittadino albanese è stato denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale.polizia Trento 1

Il personale del Reparto Prevenzione Crimine di Milano, qui aggregato al fine di rafforzare l’attività di controllo del territorio, ha denunciato in stato di libertà R.O., nigeriano classe ’95 per spaccio di sostanza stupefacente. Lo straniero, controllato in piazza Dante, è stato trovato in possesso di 24 grammi di hashish e di 85 euro in contanti, somma sul cui possesso non ha saputo fornire plausibile spiegazione. Condotto in Questura il cittadino nigeriano è stato compiutamente identificato e quindi denunciato in stato di libertà.

Il personale del R.P.C. si è altresì distinto per aver efficacemente portato a termine un’attività volta all’individuazione di tre maghrebini, resisi protagonisti di svariati furti all’interno di diversi esercizi commerciali del centro di Trento. I tre soggetti – due algerini, H.S. e A.M. entrambi del ’96 e M.J. tunisina 25enne – sono stati infatti denunciati perché trovati in possesso di cellulari e capi di vestiario per un valore di circa 400 euro. Molto semplice la tecnica adottata dai tre: mentre uno di loro distraeva il titolare, gli altri sottraevano la merce dagli scaffali. Grazie alle precise descrizioni fornite dagli esercenti, gli operatori dell’RPC, durante la loro attività di pattugliamento del territorio, hanno rintracciato i 3 soggetti in zona Torre Vanga, procedendo poi ad accompagnarli in Questura per gli accertamenti di rito ed alla loro conseguente denuncia a piede libero.

Proseguono pertanto incessantemente le attività di controllo del territorio, con l’incremento delle pattuglie impiegate sul territorio grazie ai rinforzi richiesti dal Questore, anche in vista dell’apertura dei mercatini di Natale che, come ogni anno, richiameranno a Trento svariate migliaia di turisti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136