QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Placche Zebrate: climber 52enne di Schio perde la vita sulla via Rita

sabato, 2 aprile 2016

Dro – Questa mattina, intorno alle 10, si è verificato un incidente mortale, causato probabilmente da un malore, dove ha perso la vita un climber di 52 anni di Schio mentre arrampicava, da primo di cordata, sulla via Rita, alle Placche Zebrate, nel comune di Dro. Elisoccorso Trentino 2

L’uomo stava arrampicando insieme al figlio ventenne, quando, all’altezza del terzo tiro di corda (la via è abbastanza lunga e si sviluppa per circa 16 tiri di corda) è precipitato, facendo un volo di oltre 15 metri, fermandosi su una cengia sottostante.

Il figlio è riuscito a chiamare i soccorsi, telefonando al 118, alla Centrale unica di emergenza.  Scattato l’allarme, l’Area operativa Trentino Meridionale del Soccorso alpino trentino, di concerto con la Centrale unica di emergenza, ha chiesto l’intervento dell’elicottero con a bordo il personale medico e il tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino trentino, facendo preparare in piazzola, per il supporto alle operazioni, una squadra di tecnici delle stazioni del Soccorso alpino della Zona Basso Trentino.

Giunti sul luogo dell’incidente i soccorritori, operando in parete, hanno tentato in tutti i modi di rianimare l’infortunato, ma i gravissimi traumi riportati nella caduta gli sono stati purtroppo fatali. I tecnici del Soccorso alpino trentino hanno quindi svolto le operazioni di recupero per portare a valle la salma.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136