Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Travolto e ucciso da un tubo a Brescia un operaio di 43anni di Pisogne

mercoledì, 7 gennaio 2015

Pisogne – Prima vittima sul lavoro del 2015 in provincia di Brescia e in Lombardia. Nel primo pomeriggi0 Andrea Ciglia, 43enne di Pisogne ha perso la vita in via Labirinto a Brescia. L’infortunio fatale è avvenuto in una ditta di materiali edili. L’operaio è stato travolto da un grosso tubo che stava movimentando un grosso tubo sul piazzale di un’azienda di costruzioni. Vani i soccorsi dei medici del 118, sul posto la Polizia di Stato e i vigili del fuoco. La Procura ha apertoautoambulanza 118 soccorso misericordia un’inchiesta. Andrea Ciglia lavorava col padre Umberto alla Cbc Scavi con saede in via Marconi a Brescia e i due si trovavano a Brescia, in un’area di via Labirinto, quando Andrea è stato schiacciato e ucciso da un tubo metallico. Lascia la moglie Monica, oltre al padre Umberto, alla mamma Lucia, e ai fratelli Matteo ed Elena.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136