QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pisogne, operazione “Vincolum” della Finanza: fatture false per 19 milioni, due società nei guai

lunedì, 9 ottobre 2017

Pisogne – Operazione “Vincolum”, condotta da militari della Tenenza delle Guardia di Finanza di Pisogne (Brescia). Gli accertamenti dei finanzieri hanno portato alla individuazione di due società “cartiere” che, dal 2012 al 2016, hanno emesso fatture per operazioni inesistenti per circa 19 milioni di euro.finanza-pisogne-1

La Guardia di Finanza di Pisogne, dopo mesi di indagini e riscontri contabili, ha concluso un’operazione a contrasto delle frodi fiscali, scoprendo 2 società cartiere che, dal 2012 al 2016, hanno emesso fatture per operazioni inesistenti nel settore del commercio di rottami ferrosi per circa 19 milioni di euro.
L’indagine è stata battezzata “Vincolum” in quanto i soggetti coinvolti, tutti camuni, erano collegati da stretti vincoli familiari, con lo scopo di garantire l’impermeabilità della struttura criminale. Il gruppo, che si avvaleva di compiacenti “prestanome”, come è consuetudine in tali tipologie di frode, consentiva di effettuare acquisti in nero a numerose società della provincia di Brescia.
In particolare, i finanzieri hanno individuato 2 “società di comodo”, prive di qualsiasi consistenza patrimoniale e rappresentate da prestanome nullatenenti, che emettevano false fatture sia per “giustificare” gli acquisti in nero sia per abbattere i ricavi d’impresa.
I rappresentanti di diritto e di fatto delle diverse società coinvolte nella frode sono stati denunciati per l’emissione e l’utilizzo di fatture false e per distruzione e/o occultamento della documentazione contabile.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136