QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Picchia l’ex convivente, i carabinieri lo arrestano e il Gip gli dà l’obbligo di dimora

venerdì, 13 settembre 2013

Polpenazze del Garda – Picchia e molesta la moglie, arrestato. I carabinieri della stazione di Manerba del Garda hanno arrestato in flagranza per il reato di “atti persecutori” un pakistano già conosciuto alle forze dell’ordine, classe 1988, residente a Calvagese della Riviera, regolare sul territorio nazionale. In particolare i militari dopo aver ricevuto la segnalazione di alcuni residenti, sono immediatamente intervenuti presso l’ abitazione di una donna originaria dell’Est Europa, classe 1988, ex convivente dell’uomo poi arrestato. La donna già dal 2009 aveva troncato la relazione sentimentale con l’uomo, decisione che quest’ultimo non ha mai accettato. I militari hanno infatti accertato che negli anni l’uomo si è reso protagonista di numerosi atti di molestia e violenza ai danni della giovane donna, che solo in una recente occasione aveva presentato denuncia ai carabinieri del posto.

Nel 2009 a Bedizzole, l’uomo avrebbe sfregiato la donna al collo con un coltellino, procurandole lievi lesioni (per tali fatti l’uomo venne poi assolto) – nel 2012 a seguito di diverbio con l’uomo, la giovane donna, esasperata, avrebbe tentato il suicidio buttandosi dal balcone di casa – all’inizio dell’estate l’uomo ha ricominciato a molestare la donna, pedinandola fino al luoSONY DSCgo di lavoro tempestandola di sms, chiedendole insistentemente di riprendere la relazione (in una occasione all’ennesimo rifiuto l’uomo avrebbe lanciato alcune bottiglie di vetro contro la ex). L’latro pomeriggio l’uomo per circa un’ora si era posizionato davanti l’abitazione della donna, e con insistenza continuava a chiederle di uscire per poterle parlare e convincerla a riprendere la relazione sentimentale troncata. Lo stesso infatti con disprezzo e arroganza avrebbe riferito alla ex che anche se avesse allertato i carabinieri, lui piuttosto che andare via si sarebbe fatto arrestare, e che pretendeva da lei solo amore. Attesi i precedenti episodi e la denuncia della donna per tale condotta l’uomo veniva arrestato e tradotto presso il proprio domicilio. L’arresto è stato convalidato dal Gip di Brescia, con l’obbligo di dimora e il divieto di avvicinamento alla vittima.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136