QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Piateda: intervento del Soccorso alpino in Val d’Ambria

martedì, 4 luglio 2017

Piateda – È durato per tutta la notte ma si è concluso dopo avere riportato a valle la persona dispersa l’intervento che ha impegnato per diverse ore la VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del CNSAS Lombardo. La Centrale operativa ha attivato i soccorsi intorno alle 21:20 di ieri per un escursionista residente in zona, in difficoltà nei pressi della Val d’Ambria, nelle Orobie Valtellinesi, al confine tra i comuni di Piateda e Albosgaggia.

elisoccorso soccorso alpinoL’elicottero è uscito per una ricognizione ma poi le condizioni di luce non hanno più permesso di proseguire ed è dovuto rientrare. Il segnale telefonico era discontinuo e le comunicazioni di conseguenza avvenivano con una certa difficoltà. Sono state inviate sul posto prima una squadra veloce e poi una squadra avanzata, con la base mobile. Attivi i tecnici e i coordinatori di ricerca del CNSAS, in collaborazione con il SAGF – Soccorso alpino Guardia di Finanza. Sul posto anche la fotoelettrica dei Vigili del fuoco. L’uomo è stato localizzato a una quota di circa 1700 metri, illeso ma situato in una zona con presenza di balze rocciose, vallette e bosco, impegnativa dal punto di vista della movimentazione. Ha avuto l’accortezza di restare fermo per non mettersi in pericolo. A un certo punto i soccorritori e l’escursionista sono riusciti a stabilire il contatto via voce ed è stato verificato che era illeso. Valutate le tempistiche per il recupero, all’alba è stato inviato sul posto l’elisoccorso decollato da Brescia. Il tecnico di elisoccorso del CNSAS ha recuperato e imbarcato l’uomo. L’intervento ha impegnato 12 tecnici ed è terminato verso le 7:30 di stamattina. Il Soccorso alpino raccomanda, quando si parte per un’escursione, di avere sempre con sé nello zaino una torcia efficiente per le segnalazioni luminose, un fischietto per le segnalazioni sonore e di restare fermi in un’area il più possibile sicura, soprattutto in presenza di punti a rischio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136