Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Pericolo valanghe: chiuse 9 strade in Alto Adige, sopralluogo in Val Senales

lunedì, 22 gennaio 2018

Val Senales – Sono 9 le strade chiuse per pericolo valanghe in tutto l’Alto Adige. Sopralluogo di Mussner in Val Senales, livello di pre-allarme per la Protezione civile. Le forti nevicate dei giorni scorsi hanno reso delicata la situazione in molte zone dell’Alto Adige, in maniera particolare per quanto riguarda il pericolo di valanghe. Attualmente sono 9 le strade chiuse al traffico, e solamente nella mattinata di domani potrà essere deciso se e quando riaprire le arterie alle auto (foto @USP). sopralluogoLe più importanti sono la strada statale che porta a Passo Resia (SS40) tra San Valentino alla Muta e Resia, e la strada statale che porta a Passo Rombo (SS44) dal bivio per Corvara in Passiria. Off limits anche le strade provinciali di Resia, Vallelunga, Molini di Tures-Riva di Tures, Prämajür, Burgusio-Slingia, Val d’Ultimo e Val Senales. Proprio su quest’ultima strada la situazione risulta essere particolarmente complicata e il pericolo valanghe molto elevato, tanto che oggi (22 gennaio) l’assessore provinciale Florian Mussner si è recato sul posto per un sopralluogo assieme al direttore di Dipartimento Valentino Pagani, al direttore del Servizio strade Philipp Sicher, al sindaco Karl Josef Rainer e ai membri della commissione valanghe. Nel corso del pomeriggio è stato deciso di provocare il distacco di una slavina dal pendio sovrastante la strada tramite l’innesco di una carica esplosiva, e una volta ottenuto il via libera della commissione valanghe le frese entreranno in funzione per ripulire l’arteria. Secondo le prime valutazioni, i lavori di sgombero della neve potrebbero iniziare domani, “ma solo nelle prossime ore sarà possibile essere più precisi in quanto è essenziale tenere in considerazione l’effettivo pericolo di valanghe ancora presente in zona”, precisa Mussner.

Proprio nei giorni scorsi, durante un incontro con tecnici e amministratori locali, l’assessore provinciale aveva avviato un confronto per parlare delle nuove gallerie paravalanghe programmate in Val Senales, “e ciò che è avvenuto nelle ultime ore conferma quanto importanti siano questi interventi per garantire la sicurezza di abitanti e automobilisti”, aggiunge Mussner. Le gallerie paravalanghe dovrebbero essere due: per la prima, lunga 300 metri, c’è già un progetto preliminare, mentre per la seconda è previsto a breve il via libera alle caratteristiche tecniche da parte della Giunta provinciale. Al termine del sopralluogo, l’assessore Florian Mussner ha ringraziato i collaboratori del Servizio strade “per il grande lavoro svolto in questi ultimi giorni a garanzia della sicurezza degli automobilisti”.

Nonostante gli interventi, la situazione relativa al rischio valanghe non sembra destinata a migliorare in maniera sostanziale. Anzi, soprattutto il Alta Val Venosta il pericolo è marcato di grado 4 e, in alcune zone, addirittura di grado 5, ovvero il massimo. Alla luce delle nevicate previste anche per le prossime ore, l’Agenzia per la protezione civile ha portato lo stato di allerta a livello arancio (Bravo), il terzo su una scala di 4. Si tratta del livello di pre-allarme con un evento rilevante in atto che necessità di uno stato di operatività da parte delle forze d’intervento. “Il centro funzionale provinciale e le centrali operative – si legge sulla pagina web della Protezione civile provinciale - sono in contatto con la zona colpita e intervengono con tutte le misure necessarie per tenere a bada il rischio per la popolazione e il territorio”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136