QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Pergine Valsugana: i carabinieri arrestano ladro seriale

martedì, 31 gennaio 2017

Pergine Valsugana – Preso il ladro seriale della Valsugana. Il “topo d‘Oltre-Fersina” ci lascia lo zampone e i carabinieri della stazione di Pergine Valsugana l’hanno arrestato in flagranza di reato. Nei guai è finito Diego Fedel (nella foto), classe ’75, trentino, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, con recidiva infra-quinquennale.

FEDEL Diego

Grazie alla collaborazione tra cittadini e carabinieri il 40enne è finito di nuovo in carcere. Usava una tecnica particolare: tentava di far finta di niente, passeggiando con il suo zainetto sulla strada secondaria tra le frazioni Madrano e Casalino dopo che, al mattino, la comunità si era allarmata per un altro “colpo” in quell’area.

Ad inchiodarlo pure un mazzo di chiavi del magazzino di quell’abitazione appena visitata. I carabinieri hanno compiuto una perquisizione domiciliare e trovato la refurtiva e gli attrezzi da scasso. Dalla perquisizione a casa (fa da corollario al tutto un Ovetto-da-Bimbi con 2grammi di verosimile stupefacente “personale”) spuntano altre refurtive, in parte già restituite ai proprietari.

Refurtiva 10

Dopo il riconoscimento a catena per alcuni furti degli ultimi giorni e, finalmente e soprattutto, anche il Gip concorda con le risultanze investigative e ha disposto la misura di restrizione, in quanto la precisa ricostruzione dei fatti del 24 gennaio scorso lo vide scappare dall’interno dell’abitazione in cui era stato sorpreso spintonando la proprietaria, una pensionata, C. R. classe 1956. In quel caso è accusato di rapina impropria.  L’arresto del ladro è stato confermato: 4 mesi e 300 euro di multa + 1 ora al mattino di permesso per attendere a necessità familiari.

Refurtiva00

L’ATTIVITA’ – Prosegue l’attività dei carabinieri della stazione di Pergine e del Radiomobile di Borgo Valsugana nei pattugliamenti decentrati per corroborare tutti gli elementi comuni del modus operandi individuato. Ai cittadini si chiede la collaborazione di sempre, in uno con piccole accortezze di auto-tutela della proprietà.

Le foto che trovate sotto è un campionario della refurtiva che hanno recuperato i militari dopo i furti denunciati a Piné  e Caldonazzo. Chi è interessato a visionare la refurtiva, ai fini del riconoscimento, può contattare la stazione carabinieri di Pergine.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136