Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Panarotta, sotto sequestro gli impianti del Comprensorio

domenica, 11 febbraio 2018

Pergine – Sotto sequestro gli impianti del Comprensorio sciistico Panarotta. L’indagine sulla morte dell’agente di Polizia Bruno Paoli ha portato la magistratura e la Provincia di Trento a prendere una decisione clamorosa: mettere sotto sequestro gli impianti. Non mancano polemiche tra gli sciatori che oggi si sono trovati di fronte il cartello di sequestro degli impianti e gli operatori che lamentano una chiusura sotto il periodo di carnevale.

La decisione della Provincia di Trento è legata all’indagine della Procura di Trento sulla morte di Bruno Paoli, avvenuta lo scorso gennaio quando l’agente di Polizia precipitò in una scarpata mentre sciava con i figli. Secondo quanto comunicato dagli operatori gli impianti sono sotto sequestro fino a quando non saranno effettuati gli interventi di messa in sicurezza indicati dalla Procura di Trento, che negli scorsi giorni aveva emesso i primi avvisi di garanzia per omicidio colposo. Sulla vicenda il sindaco di Pergine, Roberto Oss Emer, ha informato che il problema sarà risolto a breve. Sono stato comunque sollecitati gli operatori a mettere in atto quei “presidi  di sicurezza” chiesti dalla Procura di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136