QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Operazioni nel weekend dei Carabinieri nel Bresciano: arresti per furto e spaccio

lunedì, 9 settembre 2013

Verolanuova – Prosegue incessante l’attività di controllo del territorio delle Forze dell’Ordine. Non solo Polizia Stradale, di cui ieri abbiamo dato notizia dei controlli contro le stragi del Sabato sera, ma anche i Carabinieri nel Bresciano hanno messo a segno due importanti operazioni contro atti delinquenziali sul territorio.CARABINIERI LARGE

IL PRIMO INTERVENTO
Durante il fine settimana appena trascorso, un equipaggio del Nucleo Operativo e Radiomobile di questa Compagnia ha tratto in arresto V. N., 28 enne residente in Buccinasco nullafacente, senza fissa dimora, pregiudicata per reati specifici, colta nella flagranza di furto aggravato ai danni dello Studio Fisioterapico “Il Traguardo” ubicato in quella via N. Sauro.

La donna, infatti, spacciatasi per una cliente dello studio unitamente ad una complice che poi riusciva a dileguarsi, era riuscita con un diversivo ad introdursi nell’ufficio adibito ad accettazione appropriandosi della somma contante di 140 euro contenuta in un cassetto. Poi si erano entrambe allontanate dall’edificio, ignare del fatto che la proprietaria si era insospettita vedendole – attraverso il monitor della videosorveglianza – correre verso l’esterno. Mentre la complice riusciva ad allontanarsi ed è tuttora ricercata, V.N. veniva raggiunta sulla pubblica via dalla proprietaria, e quindi bloccata anche grazie al tempestivo intervento di un Allievo Carabiniere, frequentatore della Scuola Allievi CC di Roma il quale, in permesso nel luogo di residenza, aveva casualmente assistito al conseguente alterco tra le due donne. Il denaro è stato recuperato e restituito all’esercente.

La donna veniva presa in consegna dall’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile e dichiarata in stato di arresto. Nel corso del giudizio direttissimo celebratosi nella mattinata di oggi, dopo la convalida dell’arresto, è stata scarcerata con rinvio ad ottobre dell’udienza,
LA SECONDA OPERAZIONE
La Stazione Carabinieri di Ghedi, nel corso di un’operazione antidroga conclusasi nella tarda serata di sabato 7 settembre, ha tratto in arresto una persona del luogo, C.D., 23 enne originario di Catanzaro ma residente in Ghedi via XX settembre, celibe, nullafacente, colto nella flagranza di detenzione a fini di spaccio e coltivazione di sostanze stupefacenti.

Il soggetto era stato notato in atteggiamento sospetto nelle vicinanze di casa sua, in compagnia di un ragazzo del luogo. Alla vista dell’autovettura di servizio, i due mostravano segni di agitazione cercando di disfarsi di qualcosa e, all’esito del controllo, C.D. consegnava spontaneamente ai militare uno spinello appena confezionato con della marijuana.

Veniva quindi eseguita una perquisizione locale d’iniziativa, che dava modo di rinvenire, nel comodino della camera da letto del ragazzo, un sacchetto di carta contenente un quantitativo di marijuana pronta per l’uso. Analogo quantitativo veniva rinvenuto all’interno del congelatore in cucina, per un totale di circa 80 grammi. Nel balcone venivano invece repertati due vasi contenenti i residui vegetali (steli e piccole foglie) a comprova della coltivazione in casa della cannabis.

Il giovane è stato dichiarato in stato di arresto e trattenuto presso la propria abitazione in attesa del giudizio direttissimo celebratosi nella mattinata di oggi, a seguito del quale veniva convalidato l’arresto ed applicata la pena – sospesa – di mesi 9 di reclusione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136