Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Operazione “Security Breath” della Polizia di Stato a Trento

sabato, 3 marzo 2018

Trento – Operazione “Security Breath”. La Polizia di Stato ha condotto nei giorni scorsi nella città di Trento l’operazione “Security Breath” con cui sono stati intensificati i servizi di controllo del territorio nelle piazze e nelle aree maggiormente frequentate. polizia Trento 1

L’operazione, è stata finalizzata a garantire maggiori livelli di sicurezza e vivibilità per restituire ai cittadini un’adeguata “percezione di sicurezza”.

Sono state controllate 130 persone, di cui 101 stranieri, e 16 automezzi. L’intenso pattugliamento della città ha inoltre portato nella giornata del 27 febbraio all’arresto di U.E., cittadino nigeriano di 27 anni, sorpreso dal Reparto Prevenzione Crimine di Milano all’atto di spacciare droga all’altezza di corso Venezia a Trento. Alla vista degli operatori questi tentava di allontanarsi verso via Dietro le Mura ma, una volta raggiunto, veniva trovato in possesso di diversi involucri in cellophane contenenti sostanza stupefacente di tipo marijuana. E’ stato quindi accompagnato presso gli Uffici della Questura e sottoposto ad arresto ai sensi dell’art. 73 DPR 309/90.

Altri due cittadini centro-africani sono stati denunciati per violazione dell’ordine del Questore di allontanamento dal territorio nazionale, mentre un cittadino italiano è stato denunciato per lesioni personali e oltraggio a pubblico ufficiale. All’operazione, coordinata dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, hanno partecipato le Volanti, il Reparto Prevenzione Crimine di Milano, la Squadra Mobile, l’Ufficio Immigrazione e il Gabinetto di Polizia Scientifica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136