QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione René: pusher tunisino fermato dalla squadra mobile di Trento

giovedì, 12 giugno 2014

Trento –  La squadra mobile di Trento ha fermato un altro pusher latitante. Nell’ambito dell’operazione <René> che ha portato in carcere 11 persone, la squadra mobile ha posto fine alla latitanza di Mohamed Nasraoui, nato in Tunisia il 5 febbraio 1982, colpito da ordine di custodia cautelare in carcere a seguito dell’operazione “Renè”. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, era a capo di una delle “batterie” ed era considerato, dagli investigatori, tra i più pericolosi e scaltri componenti dell’organizzazione dedita a rifornire gli spacciatori di piazza Santa Maria.

Mohamed Nasraoui 1

L’arresto, che rientra nell’importante attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, attuata dalla polizia di Stato negli ultimi giorni nel capoluogo trentino e solo l’ultimo tassello di una serie di operazioni che ha portato alla ribalta, anche, un  insospettabile professionista detentore di circa 100 grammi di cocaina, dimostrazione questa che la droga è diffusa in vari strati della società, anche, talvolta, in quella meno sospettabile.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136