QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione Pinocchio, arrestato dai carabinieri di Trento un latitante. E’ accusato anche di sfruttamento della prostituzione

domenica, 4 giugno 2017

Trento – Arrestato uno dei due latitanti dell’operazione antidroga “Pinocchio”. Il Nucleo Investigativo dei carabinieri  di Trento contesta al 34enne albanese, arrestato a Bagnolo Cremasco anche lo sfruttamento della prostituzione.

Arrestato uno dei due latitanti: l’albanese di Crema ritenuto responsabile degli approvvigionamenti di droga alla piazza trentina è stato trovato nella sua abitazione dai carabinieri di Crema, inviati sul posto dai militari del Nucleo Investigativo di Trento, che hanno continuato a monitorare le testimonianze in loco in merito al soggetto fuggito.

Operazione Pinocchio arresti 1

Si tratta di Eduart Abdushi, 34 anni, residente a Bagnolo Cremasco e ora associato al carcere di Cremona.

Nell’ambito dell’operazione antidroga, presentata ieri dai vertici dell’Arma di Trento, un soggetto strettamente collegato al locale notturno “il Gatto e la Volpe” (il buttafuori) è stato denunciato anche per il reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Infatti, aveva fatto prostituire diverse ragazze, succubi delle rigide disposizioni dell’arrestato.

Il buttafuori gestiva in forma privata e autonoma una piazzola su via Brennero dove far prostituire giovani provenienti dall’est Europa ed in particolare dalla Moldavia. La condotta criminosa del Resmerita è quella tipica dello sfruttatore: avrebbe procurato un alloggio, avrebbe fornito vestiti, biancheria e profilattici in abbondanza, avrebbe accompagnato sul posto di lavoro, avrebbe controllato a distanza l’attività di ricezione clienti, avrebbe chiesto i rendiconti dell’attività di meretricio (numero clienti e tariffa applicata), preoccupandosi di coprire le spese e di trarne ricavo suo proprio per fare arrotondare la già florida attività di spaccio ben delineata dall’indagine del Nucleo Investigativo. Dall’aguzzino sono state liberate 2 ragazze romene.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136