Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Operazione “Periferie Sicure”: i carabinieri di Brescia arrestano due stranieri

venerdì, 13 ottobre 2017

brescia – Nell’ambito del Servizio Coordinato denominato “Periferie Sicure”, volto a contrastare l’illegalità diffusa, con particolare riferimento alle aree periferiche caratterizzate da fenomeni di irregolarità e degrado della città, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Brescia, col supporto della Compagnia d’Intervento Operativo del 3° Reggimento Carabinieri Lombardia hanno tratto in arresto un ventenne del Gambia per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio ai sensi art. 73 D.p.r. 309/90. carabinieri largeIl soggetto, noto per aver compiuto in passato altre attività delittuose presso il Parco Gallo, è stato seguito ed osservato dai militari che, insospettiti dai suoi movimenti, lo hanno poi sorpreso a cedere della sostanza stupefacente ad un cinquantenne del luogo, segnalato alla locale Prefettura. Il pusher oltre alle due dosi di hashish cedute del peso complessivo di 2,5 grammi, possedeva sulla sua persona altri 19 grammi della stessa sostanza. Arresto convalidato.

Arrestato anche un extracomunitario quarantaduenne marocchino, sprovvisto di documenti, sorpreso in  flagranza di reato per furto aggravato. L’uomo con fare sospetto si era avvicinato ad una autovettura in sosta sulla pubblica via e, approfittando del finestrino lasciato semiaperto, ha aperto la portiera e ha asportato dall’abitacolo un cellulare. I militari, prontamente accorsi su segnalazione di un passante, sono intervenuti bloccando il responsabile del furto e restituendo il cellulare del valore di circa 800 euro al legittimo proprietario. Arresto convalidato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136