QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Operazione “Pasqua sicura”, in Alto Adige i carabinieri hanno denunciato 29 persone

martedì, 29 marzo 2016

Bolzano – Operazione «Pasqua sicura», i risultati dei Carabinieri in Alto Adige, con 480 posti di blocco effettuati e controllati 1.000 veicoli. Denunciate 29 persone.

controlli carabinieri Alto Adige con neve 1

Si è conclusa con un bilancio con 29 persone denunciate all’autorità giudiziaria l’operazionedi intensificazione dei controlli sul territorio effettuata in questo lungo weekend di Pasqua dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bolzano.

L’operazione, disposta in esito a quanto determinato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e Sicurezza Pubblica sulle attività di prevenzione in occasione delle festività, è stata finalizzata a garantire la sicurezza sulle strade, nei locali pubblici, presso i luoghi di principale ritrovo, oltre che per vigilare su esercizi commerciali e abitazioni; in molti infatti hanno approfittato della pausa per allontanarsi e godersi qualche giornata di riposo.

I militari dell’Alto Adige hanno dispiegato ben 380 servizi: 62 pattuglie/perlustrazioni notturne, 216 diurne, 68 sulle piste da sci e 34 servizi in borghese (scorte e appiattamenti), con l’impiego di circa 800 uomini, forniti dal Reparto Operativo di Bolzano e dalle Compagnie di Bolzano, Merano, Silandro, Egna, Ortisei, Bressanone, Vipiteno, Brunico e San Candido, rinforzati da quelli dei Reparti Speciali del 7° Reggimento carabinieri di Laives, del 3° Nucleo Elicotteri e del Nucleo Cinofili, oltre che dagli Sciatori del servizio-piste.

Effettuati 480 posti di blocco, nel corso dei quali hanno controllato quasi 1.600 persone e oltre 1.000 veicoli; per dare un’idea dell’imponente mole di lavoro svolta, basta pensare che ben 958 sono state le richieste d’intervento effettuate su richiesta di cittadini che si sono rivolti al 112.

CONTRASTO AI REATI CONTRO IL PATRIMONIO

Le attività condotte dai militari dell’Arma hanno portato al deferimento complessivo di 4 persone. I carabinieri del capoluogo hanno bloccato due donne albanesi all’uscita della galleria «Grifone»; si stavano allontanando da un esercizio commerciale con alcuni capi di abbigliamento nascosti addosso dopo averli rubati da un negozio.

Quasi in contemporanea a Merano è stato fermato un 48enne marocchino, già noto alle forze di polizia, che aveva appena rubato merce per 70 euro dagli scaffali di un grande magazzino dei portici e aggredito un addetto del locale che aveva cercato di impedirgli la fuga, Operazione per lui l’accusa è di rapina impropria.

Nel corso della notte invece, un 20enne moldavo è stato controllato a bordo della propria auto e trovato in possesso, oltre che di un coltello a serramanico, anche di una pompa per il travaso di carburante.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136