QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione del CNSAS nella grotta Riesending-Schachthöhle: procede il cammino verso l’uscita

martedì, 17 giugno 2014

Baviera - Dopo una breve sosta per stabilizzare le condizioni mediche del ferito, le squadre di soccorritori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), in collaborazione con quelle dei soccorritori tedeschi, svizzeri ed austriaci, stanno affrontando la grande frattura verticale lunga 250 metri e larga circa 1 metro a quota -430 metri che deve essere fatta superare alla speciale barella col ferito.Tecnici Soccorso Speleologico Brescia 1

Il trasporto della barella, effettuato dai tecnici ancorati su entrambe le pareti verticali della frattura, particolarmente complesso anche perché dovrà essere superata una cascata che ne invade la parte centrale e sottostante.  Le squadre del Hrvatska Gorska Sluzba Spasavanja (il servizio di soccorso speleologico della Croazia) sono pronte all’imbocco della grotta Riesending Schachthöhle in Baviera e possono intervenire immediatamente nel caso si verifichi un grave imprevisto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136