QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Operazione dei Baschi Verdi: a Bolzano arrestato spacciatore 26enne

mercoledì, 3 febbraio 2016

Bolzano – Spaccio di droga, arrestato dalla Finanza. Operazione dei Baschi Verdi della Compagnia di Bolzano scaturita nell’ambito delle azioni di controllo sulle zone più a rischio della città e dallo sviluppo delle osservazioni e pedinamenti.

droga finanza Bolzano

La Sezione Operativa Pronto Impiego Antiterrorismo della Compagnia della Guardia di Finanza di Bolzano, i cosiddetti “Baschi Verdi”, che concorre attivamente alle operazioni di controllo del territorio con le altre Forze dell’Ordine, nel corso della propria attività ha individuato il comportamento sospetto di un cittadino extracomunitario che frequentava la zona e il parco nei pressi della stazione ferroviaria.

Sono iniziati i riscontri e i pedinamenti e, constatato che il soggetto era solito fermarsi e frequentare vari tossicodipendenti della città, le Fiamme Gialle decidevano l’intervento per interrompere il possibile spaccio illecito cui era intento.

Veniva quindi fermato e identificato in L.Z. di anni 26 con specifici precedenti penali in materia di stupefacenti, di origine marocchina, attualmente ospitato presso il “Centro emergenza freddo” realizzato dalle strutture sociali del capoluogo altoatesino.

Il L.Z. è stato arrestato perché colto in flagranza all’atto della cessione di dosi di hashish ad alcuni ragazzi. Inoltre, con l’osservazione attenta del suo comportamento i militari sono risaliti al piccolo deposito che lo spacciatore aveva realizzato per avere a portata di mano le dosi da spacciare, in prossimità dei luoghi di incontro con i consumatori.

In particolare, aveva realizzato delle buche nei canali di scolo delle acque piovane esistenti in Piazza Magnago e sotterrate sotto le siepi del vicino parco.

Nell’occasione sono stati sequestrati 15 pezzi di hashish destinati alla vendita, per un peso complessivo di circa 40 grammi e sono tutt’ora in corso ulteriori indagini tese all’individuazione di eventuali complici del soggetto nella sua attività illecita e dei suoi fornitori.

L’arrestato, inoltre, ha in corso una procedura per il rinnovo del suo permesso di soggiorno, scaduto poche settimane fa, che a questo punto non dovrebbe essere accolta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136