QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione antidroga “Tavoletta”, altro arresto dei carabinieri

giovedì, 22 giugno 2017

Trento – Nel contesto dell’operazione antidroga “Tavoletta”, condotta dal Nucleo Investigativo di Trento, sono stati spiccati mandati di cattura internazionale per rintracciare cinque soggetti che ancora mancano all’appello e per i quali vi è il fondato motivo di ritenere che si trovino nei paesi di origine europei ed extracomunitari.

Nel frattempo, le sinergie investigative del Reparto Operativo trentino e della Compagnia carabinieri di Legnano (Milano) hanno dato l’esito sperato e che ci si aspettava: è stato rintracciato Gianluca Sgroi,  milanese, classe 1991, residente nella Bergamasca, per il quale il GIP aveva previsto, nell’ordinanza di custodia cautelare emessa a carico dei 35 soggetti interessati dall’Operazione Tavoletta, la reclusione presso il carcere di Piacenza, ove è stato condotto dall’Arma milanese.

tavoletta - Sgroi

L’uomo, che era irreperibile, è stato “pizzicato” nell’abitato di Legnano presso l’abitazione della madre. L’uomo era stato denunciato dal Nucleo Investigativo quale compartecipe del sodalizio criminale, avendo fornito appoggio logistico a Saimir Osma quando quest’ultimo si trovava a dimorare nella provincia di Bergamo.

Inoltre è stato deferito anche per detenzione illegale di arma da sparo, “commerciando egli in armi” (come dall’ordinanza del dottor Marco La Ganga), quindi l’attenzione dei militari che hanno operato per la cattura, sulla scorta delle indicazioni dei militari di Trento, è stata massima.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136