QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operaio muore per il gran caldo alla Marangoni. Proteste di lavoratori e sindacalisti

mercoledì, 22 luglio 2015

Rovereto – Gran caldo e una vittima: un operaio della Marangoni muore mentre lavora al reparto presse. La reazione si fa subito sentire con una dura protesta dei dipendenti e il cordoglio del presidente Bruno Dorigatti.autoambulanza 118 soccorso misericordia

Un operaio di 54 anni, Carmine Minchino, residente a Volano si è sentito male mentre stava lavorando al reparto presse della Marangoni Pneumatici di Rovereto. Subito soccorso dai compagni di lavoro, è stato portato con l’ambulanza all’ospedale di Rovereto, dove è stato trattato per abbassargli la temperatura del corpo. E’ morto alle 3-30.

Inevitabile la protesta dei lavoratori dell’azienda di Rovereto, che si lamentano come le temperature del reparto presse raggiungano livelli insopportabili per il corpo umano. in alcune ore del giorno si raggiungono i 47 gradi.

Il cordoglio del presidente del Consiglio Provinciale
«Esprimo il mio più profondo cordoglio e quello dell’intero Consiglio provinciale per la morte dell’operaio della Marangoni, deceduto questa notte dopo un malore occorso sul luogo di lavoro.

Un fatto tragico che, sommandosi al grave incidente avvenuto ieri a Campiglio e che ha coinvolto due addetti dell’edilizia, ci impone di tenere sempre accesa l’attenzione sui temi del lavoro e della sua sicurezza.

Gli organi preposti ora faranno chiarezza e getteranno luce su una morte così dolorosa: nel frattempo, le Istituzioni provinciali sono vicine alla famiglia, agli amici e ai colleghi dell’operaio Carmine Minchino», sostiene Bruno Dorigatti

Il rammarico e la protesta di Cgil Cisl Uil del Trentino
Cgil Cisl Uil del Trentino insieme alle federazioni di categoria del comparto chimico, Filctem Femca Uiltec seguono con grande attenzione il caso dell’operaio colto da malore alla Marangoni Gomme ieri sera e, purtroppo deceduto questa notte.
«Quanto accaduto suscita un profondo rammarico.

Ma al di là delle reazioni dettate dall’emotività è necessario fare luce in tempi rapidissimi sui fatti per accertare le cause che hanno portato al verificarsi di una circostanza così grave.

Chiediamo fin da subito agli organi preposti di avviare tutte le procedure del caso per fare piena luce sulla questione e individuare eventuali responsabilità». In attesa di maggiori elementi di chiarezza Cgil Cisl Uil Trentino con le tre organizzazioni di categoria esprimono il proprio cordoglio alla famiglia dell’operaio scomparso.

l’A.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136